Paolo De Chiara

Home » infiltrazioni » Stringiamoci Tutti intorno a Michele Mignogna

Stringiamoci Tutti intorno a Michele Mignogna

Testa di capretto

Testa di capretto

di Paolo De Chiara (dechiarapaolo@gmail.com)

Dobbiamo TUTTI stringerci intorno al bravo giornalista molisano Michele Mignogna. Questa battaglia di Legalità e, quindi di Democrazia, riguarda tutti noi. Non si può più far finta di non vedere. Di non sentire. E’ giunto il momento di agire. Questi vigliacchi personaggi devono sapere che di fronte a loro hanno un esercito di persone Oneste. Di persone Perbene. Che non permettono più certi episodi. Schifosi e deplorevoli. Una testa di capretto, un chiaro segnale mafioso, è stata “recapitata” a Michele Mignogna. Al mio amico. All’ottimo giornalista che in Molise fa il proprio dovere. Tutti dovremmo seguire il suo esempio. Il Molise ha bisogno di una scossa di dignità. Da quanti anni si denunciano presenze pericolose. Quanti episodi sono stati raccontati. Quanti personaggi importanti hanno indicato la presenza delle mafie. Quante volte è stato lanciato l’allarme. Le mafie ci sono e fanno affari. Esiste una “mentalità mafiosissima” che danneggia il nostro territorio. L’unica preoccupazione era colpevolizzare chi denunciava. Chi faceva il proprio dovere. Ecco i risultati. Oggi (14 giugno 2011) è stata approvata all’unanimità in consiglio regionale una mozione di solidarietà. E’ un buon segnale. Ma non basta. Ora bisogna lavorare. Raddoppiare gli sforzi per tagliare i tentacoli della criminalità. Del malaffare. La politica deve dare un segnale forte. Deve cominciare a dare il buon esempio. Per troppi anni in questa Regione si è dato il cattivo esempio. Per troppi anni in Molise la classe dirigente ha dato il cattivo esempio. I cittadini devono sentirsi sicuri nell’indicare anche il più piccolo episodio. Per cominciare a dare una mano alle forze dell’ordine e ai magistrati. Per ostacolare certi “affari”. Così possiamo vincere il male. La testa di capretto gliela faremo mangiare attraverso la nostra Dignità. Attraverso la nostra Ribellione. Per non lasciare solo Michele. Per essere al suo fianco.

 

Ecco il link dove poter leggere l’articolo che descrive l’episodio:

http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=8673


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: