Mese: gennaio 2014

IL VELENO DEL MOLISE… a UnoMattina Caffè, RAIUNO, 3 febbraio 2014

uno-mattina-caffe

IL VELENO DEL MOLISE… a UnoMattina Caffè

in ONDA lunedì 3 febbraio 2014

RAIUNO, dalle ore 6:00 in poi…

GRAZIE DI CUORE PER LA BELLISSIMA ESPERIENZA!!!

Roma, SaxaRubra

II EDIZIONE AGGIORNATA... "IL VELENO DEL MOLISE. Trent'anni di omertà sui rifiuti tossici" (Falco Editore, gen. 2014, Cosenza)

II EDIZIONE AGGIORNATA… “IL VELENO DEL MOLISE. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici” (Falco Editore, gen. 2014, Cosenza)

Saxa Rubra, Roma - Sede RAI

Saxa Rubra, Roma – Sede RAI

RAI1

GRAZIE PINO APRILE…

con Pino APRILE e Vincenzo MUSACCHIO

GRAZIE PINO APRILE… “A Termoli (dove eravamo arrivati sbattuti dalla pioggia gelida a raffiche, alle due di notte), tutt’altra cosa: l’entusiasmo, la tenacia e la freschezza dei giovani organizzatori dell’incontro, Luigia Scarlato e Nicola Maraffino; gli studenti accorsi pur se fischiava il vento, urlava la bufera; l’appassionata relazione di Vincenzo Musacchio, presidente della Commissione Regionale Anticorruzione, sull’inquinamento del Molise, e quella del collega Paolo De Chiara, autore del libro ‘Il veleno del Molise’, sull’infiltrazione, nella regione, delle ecomafie. Ma quello che non si può raccontare è l’atmosfera in cui questo avveniva: quei giovani così determinati trasmettevano la sensazione dell’essersi ritrovati, riconosciuti. Come se l’incontro segnasse l’inizio di qualcosa verso cui ognuno, da solo, convergeva, ora finalmente confortato dalla scoperta di non essere solo, ma di far parte di un popolo sparso e consapevole, non più ignaro della sua esistenza. È successo qualcosa a Termoli e ne vedremo le conseguenze. Ricordate i nomi che ho citato”. (PINO APRILE).

1

manifesto

TERMOLI

EPPURE IL VENTO SOFFIA ANCORA…

http://www.youtube.com/watch?v=hOxLD7Eb9h4

IL CORAGGIO DI DIRE NO. Lea GAROFALO… in FRANCIA

targa monza1

IL CORAGGIO DI DIRE NO. Lea GAROFALO… in FRANCIA.

Il DOCUMENTARIO sulla storia di Lea GAROFALO, prodotto dalla televisione francese e girato dalla giornalista Barbara CONFORTI,

andrà in onda il 17 febbraio 2014 su Canal +

 

“Una bellissima esperienza con dei colleghi straordinari… grazie di Cuore”.

Paolo De Chiara 

 

MILANO, 16-17-18-19 luglio 2013

arco della pace giorno

arco della pace notte

corso sempione1

corso sempione2

corso sempione3

duomo

IMG_1380

IMG_1382

IMG_1384

IMG_1385

IMG_1386

IMG_1387

IMG_1389

IMG_1390

IMG_1391

IMG_1392

IMG_1396

IMG_1397

IMG_1398

IMG_1399

IMG_1400

IMG_1401

IMG_1402

IMG_1403

IMG_1404

IMG_1405

IMG_1406

IMG_1408

IMG_1409

IMG_1410

IMG_1411

IMG_1412

IMG_1413

IMG_1414

IMG_1415

IMG_1416

IMG_1417

milano1

milano2

milano3

milano5

milano6

milano7

milano8

milano9

milano10

milano11

palazzo di giustizia

 

San Fruttuoso2

San Fruttuoso3

San Fruttuoso4

San Fruttuoso5

targa monza1

targa monza2

targa monza3

via montello1

via montello2

via montello3

 

CALABRIA, 20-21-22-23 luglio 2013

pagliarelle1

pagliarelle2

spari secchi1

spari secchi2

spari secchi3

 

 

 

LA CASA DI LEA GAROFALO

(Pagliarelle, Petilia Policastro, Crotone) 

1

2

3

4

5

6

7

IMG_1467

IMG_1471

IMG_1472

IMG_1473

lea1 lea1

lea2

lea3

doppia

 

II Edizione aggiornata… IL VELENO DEL MOLISE. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici (FALCO Editore, dic. 2013, Cosenza)

II EDIZIONE AGGIORNATA... "IL VELENO DEL MOLISE. Trent'anni di omertà sui rifiuti tossici" (Falco Editore, gen. 2014, Cosenza)

II EDIZIONE AGGIORNATA… “IL VELENO DEL MOLISE. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici” (Falco Editore, gen. 2014, Cosenza)

GRAZIE DI CUORE!!!

Tutto pronto per la II edizione aggiornata de

IL VELENO DEL MOLISE.

Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

(Falco Editore, dic. 2013, Cosenza)

Con due novità:

1) Operazione ‘Campania Felix’

2) intervista all’ex magistrato Ferdinando IMPOSIMATO.

Nei prossimi giorni in TUTTE le edicole molisane

Il veleno del Molise.

Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

Pagine: 144

Prezzo: €. 10,00

ISBN: 978-88-6829-059-7

Formato: 13X20

 Servivano le dichiarazioni del pentito di camorra per scoprire i problemi del Molise? Nessuno sapeva degli strani traffici, degli arresti, delle operazioni effettuate? Da quanti anni sono state denunciate situazioni e personaggi particolari? I segnali erano reali. Si è fatto finta di niente. Nessuno ha visto, nessuno ha sentito, nessuno ha parlato. Nemmeno oggi nessuno parla. Hanno dipinto per anni il Molise come un’isola felice, una terra tranquilla, calma. Un paradiso, un’oasi di verde e di brava gente. I problemi sono stati buttati sotto il tappeto. Un grosso tappeto per nascondere i tanti mali. Causati soprattutto dalla malapolitica. Incapace di gestire la cosa pubblica.
E le mafie sono arrivate… >

PER ORDINI ON LINE:

 http://www.falcoeditore.com/il_veleno_del_molise.html

DISPONIBILE IN VERSIONE eBOOK!!!

mix libro

IL VELENO DEL MOLISE… a TERMOLI, 25 gennaio 2014

1

 

IL VELENO DEL MOLISE… a TERMOLI

Cinema Oddo, 25 gennaio 2014

con Pino Aprile e Vincenzo Musacchio

con Pino APRILE e Vincenzo MUSACCHIO

manifesto

TERMOLI

 

IL CORAGGIO DI DIRE NO. LEA GAROFALO

la donna che sfidò la SCHIFOSA ‘ndrangheta

(Falco Editore, nov. 2012, Cosenza)

2

3

4

5

IL VELENO DEL MOLISE… a MONTAQUILA (Isernia), 18 gennaio 2014


1

 

MONTAQUILA (Is)

presentazione de IL VELENO DEL MOLISE.

Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici (Falco Editore)

18 gennaio 2014 

2

 

COPERTINA Il Veleno del Molise

IMG_2807

IMG_2808

IMG_2809

IMG_2810

IMG_2811 IMG_2812

IMG_2813

IMG_2814

IMG_2816

IMG_2817

IMG_2819

 

 

IL VELENO DEL MOLISE… a VENAFRO (Is)

1

 

VENAFRO (Is), 17 gennaio 2014

presentazione de

IL VELENO DEL MOLISE.

Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

(Falco Editore, dic. 2013)

2

3

4

manifesto jgp

IL VELENO DEL MOLISE, presentazioni 2013

copertine

autografi

IL VELENO DEL MOLISE.
Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici
di Paolo De Chiara
(Falco Editore, dic. 2013, Cosenza)

la lettera del ministro

PRESENTAZIONI 2013:

  • ISERNIA, Itis ‘E. Mattei’, 18 dicembre

  • CASACALENDA (Cb), 19 dicembre

  • CAMPOBASSO, 19 dicembre

  • PASTORANO (Ce), 21 dicembre

GRAZIE di Cuore a Tutti!!!

mix libro

Il veleno del Molise
Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

Pagine: 144
Prezzo: 10,00 €
ISBN: 978-88-6829-059-7
Formato: 13X20

Servivano le dichiarazioni del pentito di camorra per scoprire i problemi del Molise? Nessuno sapeva degli strani traffici, degli arresti, delle operazioni effettuate? Da quanti anni sono state denunciate situazioni e personaggi particolari? I segnali erano reali. Si è fatto finta di niente. Nessuno ha visto, nessuno ha sentito, nessuno ha parlato. Nemmeno oggi nessuno parla. Hanno dipinto per anni il Molise come un’isola felice, una terra tranquilla, calma. Un paradiso, un’oasi di verde e di brava gente. I problemi sono stati buttati sotto il tappeto. Un grosso tappeto per nascondere i tanti mali. Causati soprattutto dalla malapolitica. Incapace di gestire la cosa pubblica.
E le mafie sono arrivate.

DISPONIBILE in TUTTE le EDICOLE molisane

PER ORDINI ON LINE: http://www.falcoeditore.com/il_veleno_del_molise.html

doppia

SCAVI a VENAFRO (Is). Terzo giorno, località Torciniello.

IMG_2924

SCAVI a VENAFRO (Is)

Terzo giorno, località Torciniello 

VENAFRO, 10 gennaio 2014
III giorno di SCAVI

A cura di Paolo De Chiara

IMG_2925

IMG_2929

IMG_2930

Riceviamo e pubblichiamo:
COMUNICATO STAMPA

Isernia, l0 gennaio 2014
Il Prefetto di Isernia, dott. Filippo Piritore, in merito alle problematiche connesse al tema ambientale e, in particolare, alla eventuale presenza di rifiuti tossici sul territorio provinciale, per dovere di informazione e chiarezza nei confronti dei cittadini della provincia di Isernia, precisa che le numerose attività di esploraziote tecnica dei siti individuati, finora, non hanno accertato la effettiva presenza di rifiuti tossici interrati in questo ambito provinciale. Peraltro, la natura del materiale rinvenuto e dello stesso terreno, saranno oggetto di analisi e classificazione a cura dei competenti laboratori di analisi.
Inoltre, il Tavolo Tecnico, che rappresenta 1’organismo di coordinamento dei diversi Enti, nonché dei Comuni per il monitoraggio di tutte le problematiche concernente l’ambiente di questa provincia, si riunirà nuovamente per la verifica dei risultati delle numerose attività messe in campo.
Il Prefetto, nelf informare che nelle prossime settimane continueranno le attività di esplorazione di altri siti del territorio provinciale, assicura che i cittadini saranno, costantemente e tempestivamente, informati in merito a tutta la problematica, pur nel rispetto delle procedure e delle indagini già awiate da tempo e portate avanti anche dalla competente Procura, in tema di rifiuti tossici e di inquinamento ambientale.

SCAVI A VENAFRO. Parla Vittorio NOLA: “Sono stato truffato da piccoli mariuoli locali”

IMG_2915

di Paolo De Chiara

VENAFRO. Sono partiti gli scavi. Da due giorni. Sui campi di Venafro (Isernia) gli uomini del Corpo Forestale dello Stato, i vigili del Fuoco, i dipendenti dell’Arpa Molise e gli addetti ai lavori. Sono partiti dal terreno di Vittorio Nola (presidente del Consorzio di Bonifica di Venafro e cugino di Ernesto Nola, il proprietario del famoso ‘terreno a riposo’. Per approfondire: http://paolodechiara.com/2013/10/23/linchiesta-una-discarica-abusiva-ancora-pericolosa/). Dal terreno di Vittorio Nola sono sbucati pezzi di catrame, diversi fusti arruginiti, pezzi di ferro, contenitori per le vernici, ferraglia, pezzi di amianto, cemento. I due cugini (Ernesto e Vittorio) rispondono allo stesso modo, con la stessa frase: “siamo stati truffati, a nostra insaputa”. Sul cugino, però, Vittorio aggiunge: “la situazione è diversa, ha firmato un contratto Moscardino”. Sbuca sempre fuori Antonio Moscardino, delinquente abituale, condannato per i fatti di Campomarino (Campobasso), per una certa ‘operazione Mosca’ e prescritto per i fatti di Vinchiaturo (Campobasso). Nella zona è molto conosciuto, ‘una persona poco affidabile’.  Si aggira per i campi di Venafro. L’assassino ritorna sempre sul luogo del delitto. Ha rilasciato anche delle interviste alle tv private e alla RaiMolise, spacciandosi per ereditiero. ‘Era con un’altra persona – ha confermato la collega della Rai – che a un certo punto ha preso le distanze dalle sue affermazioni. Lo abbiamo visto spesso, sempre accompagnato’.  Teme qualcosa il pregiudicato Moscardino? Perchè questo interesse per gli scavi a effetto ritardato? Sul ‘terreno a riposo’, dove Moscardino ha messo le sue mani e la munnezza, ancora non si scava. La zona non è stata nemmeno transennata. La competenza è dei Noe di Campobasso, coordinati dal procuratore della Repubblica di Isernia, Paolo Albano. Ci vorrà ancora tempo? L’altro giorno una strana telefonata, da un numero privato: “non stanno scavando dove devono scavare”. Clic.

TUTTO A NOSTRA INSAPUTA. Parla Vittorio NOLA

materiale riportato alla luce

PARLA VITTORIO NOLA:

IL CASO DEL ‘TERRENO A RIPOSO’ DI ERNESTO NOLA

IMG_2916

 

“Siamo morti che camminano…”, il racconto di un testimone di giustizia

1387519490374_testimoni_giustizia

“Siamo morti che camminano…”,

il racconto di un testimone di giustizia

di  | 7 gennaio 2014

“La nostra dignità è stata calpestata, senza lavoro, senza amici, scarsa protezione, senza libertà. Chiediamo solo aiuto per applicare le principali norme costituzionali per garantire i diritti inviolabili dell’uomo: la vita, il lavoro, la pubblica sicurezza. Vogliamo davvero combatterla la criminalità organizzata o dobbiamo diffondere il vero messaggio di come vengono trattati i testimoni di giustizia e le loro famiglie che hanno fatto delle scelte normali, denunciando?”.

Queste le parole utilizzate da Ignazio Cutrò, presidente dell’associazione nazionale che riunisce i testimoni di giustizia, nella lettera inviata al ministro dell’Interno Alfano(Ncd), al viceministro Bubbico (Pd), al direttore centrale della Polizia Criminale e al generale Pascali, direttore del servizio centrale di Protezione. “Nelle aule di Tribunale abbiamo dato le nostre testimonianze senza che nessuno è venuto a cercarci e lo abbiamo fatto tempestivamente, ed ora che si deve applicare un nostro diritto, un diritto a vivere, lo Stato dov’è? Ci hanno distrutto psicologicamente, più della mafia”.

Lo sfogo arriva da un imprenditore siciliano che ha denunciato i suoi estorsori. Con la sua testimonianza lo Stato è riuscito a mettere alle corde, con arresti e condanne, una famiglia mafiosa. I fratelli Panepinto di Bivona (Agrigento): Luigi, Marcello e Maurizio.

Ad oggi la situazione dei testimoni di giustizia è gravissima, abbiamo chiesto allo Stato di riconoscerci il diritto alla vita e il diritto alla libertà. Nessuno deve dimenticare mai che siamo morti che camminano. Per esasperazione ho detto: fucilateci tutti, ammazzateci. Forse è la cosa più semplice.

Perché non si risolvono i problemi dei testimoni di giustizia?

Il problema era semplicissimo, per loro. Si prendeva il testimone di giustizia, si portava in località protetta, si lasciava ammuffire. Ci sono registrazioni di testimoni di giustizia ricattati.

Da chi?

Da alcuni pezzi delle Istituzioni, come il Servizio Centrale. Da parte di alcuni rappresentanti del Nop (Nucleo Operativo Protezione, ndr). Però voglio precisare che ci sono personaggi del Nop che sono persone squisite.

Parliamo dei ricatti.

I ricatti accadevano perché il testimone, in un certo senso, voleva la sua libertà. Chiedeva qualcosa che gli spettava di diritto, chiedeva la normalità. Chiedeva che venisse applicato quello che è giusto, concordato al momento dell’entrata nel programma. L’inserimento socio-lavorativo non è stato mai applicato, non so come viene fatta la capitalizzazione. Come fanno queste valutazioni? Forse devi avere raccomandazioni? È sbagliatissimo. Ci deve essere una tabella, con dei parametri. Non perché sei bello o brutto. Ci sono tantissimi testimoni di giustizia che sono impazziti, insieme alle loro famiglie. Ad Antonio Candela hanno distrutto la vita, a 54 anni si è ritrovato senza lavoro.

Nel 2013 viene costituita l’associazione nazionale per tutelare i testimoni.

È necessario stare vicino al testimone, non siamo nati come antiStato, anzi siamo nati per stare vicino alle Istituzioni. Il nostro obiettivo è raggiungere dei risultati precisi. Ho presentato al presidente Crocetta (presidente della Regione Sicilia, ndr) un emendamento di legge per l’assunzione dei testimoni di giustizia nelle pubbliche amministrazioni.

Ancora c’è molta confusione tra testimone e collaboratore di giustizia.

L’errore lo hanno fatto loro. Prima del 2001 eravamo tutti insieme: collaboratori e testimoni. Una cosa assurda. Dovevo stare insieme a quei quattro pezzi di merda di mafiosi? È un errore paragonare i testimoni ai collaboratori. L’ex mafioso, il collaboratore di giustizia ha fatto parte dell’organizzazione mafiosa. Mafioso era e mafioso è rimasto. I testimoni di giustizia sono un’altra cosa. Nava, un commerciante, ha visto gli assassini del giudice Livatino, ha testimoniato. Siamo persone normali, cittadini onesti. Non ho paura della mafia, ma del silenzio dei cittadini onesti.

Perché lo Stato ha abbandonato e continua ad abbandonare i testimoni di giustizia?

Lo Stato siamo noi cittadini. Anche loro ci hanno abbandonati, in molti casi per vigliaccheria. Capisco, ma non condivido. Anche noi abbiamo paura, anche la famiglia di Ignazio Cutrò ha paura. Ma siamo rimasti liberi. Il nostro compito è non lasciare mai soli i testimoni o chi ha avuto il coraggio di alzare la testa, denunciare e portare i propri estorsori nelle aule giudiziarie.

Lei si sente solo?

L’ho capito durante il mio processo. Quando andavo a testimoniare, vedevo le famiglie di quei mafiosi arrestati ed io ero solo. Questo mi ha fatto capire che qualcuno ancora non è pronto.

Chi?

Il cittadino. È nostro dovere, è questione di dignità, andare a fare le denunce. Non ci possono essere scuse, la denuncia va fatta. Per i nostri figli. Io non prendo vitalizio, non l’abbiamo fatto per soldi. L’abbiamo fatto per dignità. Quale segnale si vuole mandare? Noi cerchiamo di mandare segnali giusti, abbiamo fatto nascere uno sportello antiracket. Il 27 marzo scorso sono stato attaccato in I Commissione, dove mi hanno detto: ‘lei fa nascere associazioni, va in televisione, non lo può fare perché ha bisogno di autorizzazioni’. Mi volevano sequestrare il passaporto. Sono all’interno del programma di protezione, ma sono un cittadino libero.

L’associazione dà fastidio?

Siamo uniti, possono facilmente uscire tutte le angherie che hanno subito i testimoni di giustizia.

A chi fa paura?

Anche ai politici. Ho seguito un caso di un testimone di giustizia, abbiamo scritto alcune lettere. I Nop non le hanno volute, il testimone ha registrato. Ormai si fa così, non ci fidiamo più di nessuno. Io sono stato fortunato, ho trovato delle persone squisite. Parliamo e ci coordiniamo. Molti sono sfortunati. Trovano quei due scemi che si credono i padroni del mondo e non capiscono le esigenze di una persona che ha sofferto, che ha dato tutto, che ha dato pure via la libertà per un ideale di giustizia. Non dobbiamo negare che c’è chi se n’è approfittato, ci sono stati testimoni di giustizia che hanno fatto richieste di soldi. Ma non per colpa di due o tre testimoni gli altri devono piangere. Se io sono cretino devono prendersela con me, non con tutti gli altri.

Lo scorso mese di agosto è arrivato il decreto.

La nostra grande vittoria, con il decreto legge per l’assunzione dei testimoni di giustizia nelle pubbliche amministrazioni. Grazie al senatore Lumia, che in un secondo emendamento non ha dimenticato gli ex testimoni e i figli dei testimoni. Le vere vittime sono le nostre famiglie. Chiederemo subito l’applicazione della legge.

Quali i benefici per i testimoni di giustizia?

La dignità. Ho denunciato per la mia dignità e per il mio lavoro e lo Stato non deve regalare niente a nessuno. Non vogliamo essere dei parassiti, vogliamo lavorare e guadagnare.

Cosa manca ancora?

La sicurezza. Non capisco perché ci sono tantissimi politici indagati, imputati e condannati per mafia che vengono ancora protetti. Ci sono tantissime persone che hanno denunciato, tantissimi imprenditori che hanno avuto il coraggio nella propria terra di denunciare, ma vengono lasciati soli. La mafia non dimentica. Hanno dimostrato con Lea Garofalo che sanno attendere. Lo Stato gliel’ha offerta su un vassoio d’argento, l’abbiamo ammazzata noi. Noi tutti, non solo loro. Quando abbiamo visto che Lea rimaneva da sola, quando un testimone rimane da solo è compito di tutti i cittadini fare da scudo. Una scorta civica, ci dobbiamo vergognare di essere italiani. A tutti piace stare dietro la pietra, aspettando che gli altri facciano qualcosa per noi. Questa cosa è inaccettabile.

Come la situazione del pm Nino Di Matteo, il titolare dell’inchiesta sulla Trattativa stato-mafia, minacciato da mesi dalla mafia e abbandonato dalle Istituzioni. Massima solidarietà al dottor Di Matteo e a tutti gli altri magistrati. Noi cittadini ogni mattina dobbiamo andare a prenderli, proteggerli. Dobbiamo essere tutti contro la mafia, tutti in culo alla mafia. La terra è nostra, il Paese è nostro.

da RESTOALSUD.IT – Clicca per restoalsud.it

cutrò grasso

GRAZIE A TUTTI… Prima Edizione esaurita in 20 giorni. IL VELENO DEL MOLISE. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici (Falco Editore)

autografi

 

GRAZIE A TUTTI!!!

I edizione esaurita in 20 giorni

 

IL VELENO DEL MOLISE.

Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici (Falco Editore) 

libri4

libro edicola

libro inst

VIDEO – Presentazione “IL VELENO DEL MOLISE”… a Campobasso, 19/12/2013

copertine

 

VIDEO – Presentazione “IL VELENO DEL MOLISE”

a Campobasso, 19 dicembre 2013

Presentazione de “IL VELENO DEL MOLISE. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici” (FALCO Editore, 2013)

Campobasso, 19 dicembre 2013

IL VELENO DEL MOLISE.
TRENT’ANNI DI OMERTÀ SUI RIFIUTI TOSSICI
(Editore FALCO, 2013)
Paolo De Chiara

Il veleno del Molise
Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

Pagine: 144
Prezzo: 10,00 €
ISBN: 978-88-6829-059-7
Formato: 13X20

Servivano le dichiarazioni del pentito di camorra per scoprire i problemi del Molise? Nessuno sapeva degli strani traffici, degli arresti, delle operazioni effettuate? Da quanti anni sono state denunciate situazioni e personaggi particolari? I segnali erano reali. Si è fatto finta di niente. Nessuno ha visto, nessuno ha sentito, nessuno ha parlato. Nemmeno oggi nessuno parla. Hanno dipinto per anni il Molise come un’isola felice, una terra tranquilla, calma. Un paradiso, un’oasi di verde e di brava gente. I problemi sono stati buttati sotto il tappeto. Un grosso tappeto per nascondere i tanti mali. Causati soprattutto dalla malapolitica. Incapace di gestire la cosa pubblica.
E le mafie sono arrivate.

DISPONIBILE IN TUTTE LE EDICOLE MOLISANE.

PER ORDINI ON LINE: http://www.falcoeditore.com/il_veleno_del_molise.html

ASPETTANDO GODOT
di Claudio Lolli
Vivo tutti i miei giorni aspettando Godot,
dormo tutte le notti aspettando Godot.
Ho passato la vita ad aspettare Godot.
Nacqui un giorno di marzo o d’aprile non so,
mia madre che mi allatta è un ricordo che ho,
ma credo che già in quel giorno però
invece di succhiare io aspettassi Godot.
Nei prati verdi della mia infanzia,
in quei luoghi azzurri di cieli e acquiloni,
nei giorni sereni che non rivedrò
io stavo già aspettando Godot.
L’adolescenza mi strappò di là,
e mi portò ad un angolo grigio,
dove fra tanti libri però,
invece di leggere io aspettavo Godot.
Giorni e giorni a quei tavolini,
gli amici e le donne vedevo vicini,
io mi mangiavo le mani però,
non mi muovevo e aspettavo Godot.
Ma se i sensi comandano l’uomo obbedisce,
così sposai la prima che incontrai,
ma anche la notte di nozze però,
non feci altro che aspettare Godot.
Poi lei mi costrinse ed un figlio arrivò,
piccolo e tondo urlava ogni sera,
ma invece di farlo giocare un po’,
io uscivo fuori ad aspettare Godot.
E dopo questo un altro arrivò,
e dopo il secondo un altro però,
per esser del tutto sincero dirò,
che avrei preferito arrivasse Godot.
Sono invecchiato aspettando Godot,
ho sepolto mio padre aspettando Godot,
ho cresciuto i miei figli aspettando Godot.
Sono andato in pensione dieci anni fa,
ed ho perso la moglie acquistando in età,
i miei figli son grandi e lontani però,
io sto ancora aspettando Godot.
Questa sera sono un vecchio di settantanni,
solo e malato in mezzo a una strada,
dopo tanta vita più pazienza non ho,
non voglio più aspettare Godot.
Ma questa strada mi porta fortuna,
c’è un pozzo laggiù che specchia la luna,
è buio profondo e mi ci butterò,
senza aspettare che arrivi Godot.
In pochi passi ci sono davanti,
ho il viso sudato e le mani tremanti,
e la prima volta che sto per agire,
senza aspettare che arrivi Godot.
Ma l’abitudine di tutta una vita,
ha fatto si che ancora una volta,
per un minuto io mi sia girato,
a veder se per caso Godot era arrivato.
La morte mi ha preso le mani e la vita,
l’oblio mi ha coperto di luce infinita,
e ho capito che non si può,
coprirsi le spalle aspettando Godot.
Non ho mai agito aspettando Godot,
per tutti i miei giorni aspettando Godot,
e ho incominciato a vivere forte,
proprio andando incontro alla morte,
ho incominciato a vivere forte,
proprio andando incontro alla morte.
ho incominciato a vivere forte,
proprio andando incontro alla morte.

 

IL VELENO DEL MOLISE. La lettera del Ministro Clini del 2012… 10 anni buttati nel cesso!!!

copertine

IL VELENO DEL MOLISE.

Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

La lettera del Ministro Clini del 2012

…10 anni buttati nel cesso!!! 

la lettera del ministro

mix libro

IL CORAGGIO DI DIRE NO… a Bassiano (Latina), 28 dicembre 2013

manifesto

 

IL CORAGGIO DI DIRE NO

a Bassiano (Latina), 28 dicembre 2013

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

 

 

IL CORAGGIO DI DIRE NO… a Latina, 27 dicembre 2013

1

 

 

 

 

IL CORAGGIO DI DIRE NO… a Latina, 27 dicembre 2013

 

 

2

3

6

7

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: