Mese: febbraio 2014

IL VELENO DEL MOLISE… TERMINATA LA SECONDA EDIZIONE!!!

Il Veleno del Molise

Il Veleno del Molise

TERMINATA LA SECONDA EDIZIONE…

IN ATTESA DELLA RISTAMPA. 


Grazie di Cuore a TUTTI!!!

Il veleno del Molise 
Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

Pagine: 144
Prezzo: 10,00 €
ISBN: 978-88-6829-059-7
Formato: 13X20

Servivano le dichiarazioni del pentito di camorra per scoprire i problemi del Molise? Nessuno sapeva degli strani traffici, degli arresti, delle operazioni effettuate? Da quanti anni sono state denunciate situazioni e personaggi particolari? I segnali erano reali. Si è fatto finta di niente. Nessuno ha visto, nessuno ha sentito, nessuno ha parlato. Nemmeno oggi nessuno parla. Hanno dipinto per anni il Molise come un’isola felice, una terra tranquilla, calma. Un paradiso, un’oasi di verde e di brava gente. I problemi sono stati buttati sotto il tappeto. Un grosso tappeto per nascondere i tanti mali. Causati soprattutto dalla malapolitica. Incapace di gestire la cosa pubblica.
E le mafie sono arrivate.

il-veleno-a-uno-mattina-raiuno1.jpg

presentazione libro il veleno del molise

 

La storia di Lea GAROFALO in Francia, su Canal +

DVD copertina documentario CANAL + di Barbara Conforti

 

Lea Garofalo. Il Coraggio di dire NO… è appena arrivato il DVD della bravissima collega Barbara ConfortiSpécial Investigation.

“Mafia: la trahison des femmes”, il documentario è stato girato in Italia (Milano e Calabria) e racconta anche la storia di Lea GAROFALO, la donna coraggio che sfidò la schifosa ‘ndrangheta.

Grazie di Cuore a Barbara e a CANAL + per la bellissima esperienza lavorativa. 

http://paolodechiara.com/2014/01/28/il-coraggio-di-dire-no-lea-garofalo-in-francia/?relatedposts_exclude=3290

 

funerali milano, 19 ottobre 2013

 

lea targa milano

LEA TESTIMONE

 

mosaico

 

targa ponte dedicato a LEA

 

copertina libro LEA G

RIFIUTI in Molise, la RISPOSTA dei Ragazzi…

invito

 

LA RISPOSTA DEI RAGAZZI…

il Liceo Classico ‘A. ROMITA’ di Campobasso presenta RIFIUTI

mercoledì 5 marzo 2014 – h. 17:00

Sala della Costituzione (via Milano), CB

Il lavoro è stato realizzato dagli studenti delle classi 4° E e 4° H, a.s. 2013/2014 – riprese, montaggio e regia William Mussini.

“Quando avranno inquinato l’ultimo fiume, abbattuto l’ultimo albero, preso l’ultimo bisonte, pescato l’ultimo pesce, solo allora si accorgeranno di non poter mangiare il denaro accumulato nelle loro banche”. – Tatanka Iotanka (Toro Seduto), capo Sioux

invito2

IL VELENO DEL MOLISE… a Montagano (Cb), 21 febbraio 2014

5

 

IL VELENO DEL MOLISE… a Montagano (Cb), 21 febbraio 2014

Il veleno del Molise 
Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

Pagine: 144
Prezzo: 10,00 €
ISBN: 978-88-6829-059-7
Formato: 13X20

Servivano le dichiarazioni del pentito di camorra per scoprire i problemi del Molise? Nessuno sapeva degli strani traffici, degli arresti, delle operazioni effettuate? Da quanti anni sono state denunciate situazioni e personaggi particolari? I segnali erano reali. Si è fatto finta di niente. Nessuno ha visto, nessuno ha sentito, nessuno ha parlato. Nemmeno oggi nessuno parla. Hanno dipinto per anni il Molise come un’isola felice, una terra tranquilla, calma. Un paradiso, un’oasi di verde e di brava gente. I problemi sono stati buttati sotto il tappeto. Un grosso tappeto per nascondere i tanti mali. Causati soprattutto dalla malapolitica. Incapace di gestire la cosa pubblica.
E le mafie sono arrivate.

 su FALCO Editore

1

2

3

invito veleni

presentazione libro il veleno del molise

IL VELENO DEL MOLISE… a Pozzilli (Is), 20 febbraio 2014

4

IL VELENO DEL MOLISE… a Pozzilli (Is), 20 febbraio 2014

Il veleno del Molise 
Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici

Pagine: 144
Prezzo: 10,00 €
ISBN: 978-88-6829-059-7
Formato: 13X20

Servivano le dichiarazioni del pentito di camorra per scoprire i problemi del Molise? Nessuno sapeva degli strani traffici, degli arresti, delle operazioni effettuate? Da quanti anni sono state denunciate situazioni e personaggi particolari? I segnali erano reali. Si è fatto finta di niente. Nessuno ha visto, nessuno ha sentito, nessuno ha parlato. Nemmeno oggi nessuno parla. Hanno dipinto per anni il Molise come un’isola felice, una terra tranquilla, calma. Un paradiso, un’oasi di verde e di brava gente. I problemi sono stati buttati sotto il tappeto. Un grosso tappeto per nascondere i tanti mali. Causati soprattutto dalla malapolitica. Incapace di gestire la cosa pubblica.
E le mafie sono arrivate.

 su FALCO Editore

1

2

3

banner

manifesto

IL PIACERE DI LEGGERE… da PoliziaModerna (febbraio 2014), mensile ufficiale della Polizia di Stato.

IL PIACERE DI LEGGERE... Il Coraggio di dire no, da PoliziaModerna, febbraio 2014

 

IL PIACERE DI LEGGERE…

da PoliziaModerna (febbraio 2014), mensile ufficiale della Polizia di Stato.

GRAZIE DI CUORE!!!

COPERTINA, PoliziaModerna, febbraio 2014

LEA GAROFALO IN FRANCIA, SU CANAL +

21

LEA GAROFALO IN FRANCIA

lunedì 17 febbraio 2014, Canal +

“Née il y a une centaine d’années dans un petit village de Calabre, la Ndrangheta, une mafia qui repose exclusivement sur des liens de famille, a prospéré grâce à sa structure. Cette organisation ne comptait quasiment aucun repenti jusqu’à ce qu’une femme décide de se révolter et de dénoncer les siens. Pour sauver ses enfants, Lea Garofalo, 28 ans, s’enfuit et demande la protection de la justice en échange de révélations sur son clan. Sept ans plus tard, son mari la tue. Malgré cette fin tragique, Lea a ouvert une brèche, et deux autres femmes ont suivi son exemple, portant des coups terribles à l’organisation criminelle. Barbara Conforti enquête sur ces femmes héroïques qui ont trahi leurs clans, au péril de leur vie”.

Spécial investigation

lea3

lea2

lea1

targa monza1

copertina LIBRO Lea

RIFIUTI. Sbancamento e sversamento, Calvi Risorta (Caserta)

Operazione Guardia di Finanza di Capua, 11 febbraio 2014 Calvi Risorta, Caserta

Operazione Guardia di Finanza di Capua, 11 febbraio 2014
Calvi Risorta, Caserta

“I finanzieri – scrive nella nota il procuratore della Repubblica Raffaella Capasso – insospettiti da frenetico via vai degli automezzi, hanno fatto accesso all’interno dell’area riscontrando la presenza di mezzi meccanici e personale intento a scaricare da due autoarticolati un grosso quantitativo di asfalto, preventivamente fresato, direttamente sul suolo agricolo e nelle immediate adiacenze di terreni adibiti a coltivazione. […] per non dare nell’occhio e per mascherare l’illecito sversamento, i camion venivano riempiti per metà di terra pulita e per metà di fresato d’asfalto ed altro materiale di risulta, in modo che quando avveniva lo sversamento i rifiuti venivano immediatamente ricoperti da terreno puro”.
Gli accertamenti delle forze dell’ordine, coordinati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno evidenziato le responsabilità del proprietario del terreno, privo delle necessarie autorizzazioni per lo sversamento. L’area, un fondo agricolo di circa 10mila mq., è stata posta sotto sequestro.

IL VIDEO

 

 

 

Tutti sapevano dei veleni in Molise (con FOTO)

Tutti sapevano dei veleni in Molise

tasso il sindaco di pozzilli

di  | il 9 febbraio 2014

POZZILLI. Siamo in provincia di Isernia, vicini all’ormai famoso e ‘decaduto’ Nucleo Industriale Pozzilli-Venafro, dove in passato si è registrata anche la presenza della camorra.

Quella che gestisce i suoi affari nel silenzio, attraverso imprenditori spregiudicati. Due esempi su tutti: Rer e Fonderghisa. Per le forze dell’ordine: “zona industriale più importante della provincia e tra le più attive della regione, si sono insediati opifici controllati direttamente da esponenti della criminalità campana o molto vicini a tali ambienti”. Lo scrivono in una informativa, nel 2007.

L’indagine, partita nel 2005 e chiamata ‘Campania Felix’ (cenno storico per identificare la parte di territorio campano che comprendeva anche la ‘piana di Venafro’), accende i riflettori sulla zona industriale, sulle attività, sui movimenti, sulle conversazioni dei sospettati.

“Questo territorio è campo di operazioni illecite, è campo di controllo camorristico”,scrivono nell’informativa. Trecento pagine dense, piene di nomi e cognomi, di aziende, di azioni criminali. Di fatti delittuosi registrati in Molise. C’è anche la famiglia Ragosta:che ha investito ingenti somme di denaro in questo territorio, non soltanto proviene da un’area geografica in cui tutte le attività imprenditoriali sono di fatto gestite, controllate o assoggettate alla criminalità organizzata, ma annovera quale capostipite il Ragosta Giuseppe, assassinato in un vero e proprio agguato di camorra. […]senza ombra di dubbio, il Ragosta Giuseppe faceva parte dell’organizzazione criminale denominata “Nuova Camorra Organizzata” al cui vertice vi era Raffaele Cutolo”.

Nel territorio circostante ci sono le ‘Mamme per la Salute e per l’Ambiente’ che hanno denunciato e continuano a urlare la loro rabbia. Foglie di fico piene di veleni, diossina nel latte materno e negli animali, veleni nella polvere del cemento, rifiuti interrati e bruciati nei forni. Malattie, tumori.

Una situazione drammatica. Proprio nella Fonderghisa, per diversi operai, sono stati sciolti i carri armati provenienti dalla ex Jugoslavia, pieni di uranio impoverito. Terreni particolari, riempiti da “tonnellate e tonnellate di materiale di scarto dell’altoforno della Fonderghisa”.

Dopo tanti anni si ricomincia a parlare di queste ferite, coperte e tamponate di volta in volta per non creare allarmismo. Un termine molto utilizzato in questi ultimi anni. Soprattutto dalla fallimentare classe dirigente, che ha fatto finta di non vedere e di non sentire. Per l’ex magistrato Ferdinando Imposimato “senza allarme sociale non può esserci la reazione della popolazione”.

Abbiamo incontrato il primo cittadino di Pozzilli, Nicandro Tasso, con il quale abbiamo affrontato anche la questione del ‘terreno a riposo’. Sono iniziati gli scavi nei terreni diVenafro, ma il terreno di Nola, dove si è registrata la presenza di quel ‘galantuomo’ di  Antonio Moscardino, continua a riposare.

Con Tasso siamo partiti da alcuni terreni di Pozzilli. Vecchie discariche, ora ricoperte di terra, ma con segni ben evidenti. Si può facilmente scorgere del catrame, delle lastre di amianto, della plastica, del ferro. Tre terreni (località Capo di Marco, località Ginestra, località Fosse) dimenticati. “Tutti sanno tutto”, ha affermato il sindaco.

Lei conosce bene la zona, stiamo parlando di località Fosse. Il terreno è del Comune di Pozzilli, ma la zona è recintata. C’è il cartello ‘Divieto di Scarico’ ma è una discarica a cielo aperto. Per non parlare della zona transennata e chiusa con un cancello.

Adesso mi sembra hanno messo il recinto, hanno messo le mucche.

Ma di chi è questo terreno?

Del Comune.

E chi lo ha recintato?

Penso i vaccari.

Senza autorizzazione?

Che io sappia… non sono mai andato. Dagli anni ’70 si andava a sversare materiale proveniente dalla Fonderghisa, penso regolarmente autorizzato. Ricordo i camion.

Dove andavano?

Ricordo solo ‘le Fosse’, una scelta pazzesca, scellerata. Forse, allora, non ci stava quella sensibilità che c’è adesso su alcune tematiche e penso che ci stava pure una certa ignoranza su queste tematiche.

Gli operai parlano di “tonnellate e tonnellate di materiali di scarto della Fonderghisa”. Lei cosa ricorda, cosa ci dice?

Ho avvisato da tempo la Forestale che mi ha risposto che devono monitorare queste zone, sono molto scoscese. Sicuramente andranno a vedere, magari sono già andati a vedere, sicuramente faranno il loro dovere. L’accordo in prefettura è stato anche quello di monitorare, su segnalazione di sindaci e di cittadini, tutti quei posti che sono vulnerabili. Ho segnalato anche un altro terreno a Pozzilli. Qui andavano a portare roba di inerte, risulta.

Si, pezzi di amianto, catrame, ferro…

Tutta roba di risulta. Amianto non lo so, tutta roba di risulta. Una decina di anni fa hanno ricoperto tutto.

La località come si chiama?

Ginestra.

Demanio pubblico?

Si, del demanio.

Come possiamo definirla la zona, una discarica?

Una discarica di inerte.

Illegale?

All’epoca…

Chi ci andava a sversare?

Tutti quanti. Parliamo di venti o trenta anni fa, bisogna vedere in quell’epoca cosa era considerato legale e cosa era considerato illegale.

C’è anche la località Campo di Marco.

Si.

C’è un pezzo che interessa anche un privato?

Non ricordo, era comunale. Perche se era una discarica era sicuramente comunale.

Una discarica?

Del Comune, autorizzata dal Comune.

Cosa si scaricava?

Sono tanti anni che è stata chiusa. Non è stata bonificata, è stato buttato il terreno sopra e basta. Sono situazioni pregresse, di una mancata attenzione verso l’ambiente. Voglio che si faccia luce, ma sono sicuro, quasi al novantanove per cento che è tutta immondizia.

L’amianto?

Penso di si, all’epoca l’amianto era considerato un elemento normale.

All’epoca…

Quindi si andava a smaltire come si smaltiva tutto.

Sotto terra…

Prima l’amianto era come una lamiera, prima che ci fosse la direttiva sull’amianto. La gente aveva l’amianto in campagna. Che poi si smaltiva, la gente che ne sapeva.

In località ‘le Fosse’, dove tutto è stato chiuso senza autorizzazioni comunali, c’è una discarica a cielo aperto. 

Questo non lo so. Ha fatto benissimo a dirlo, perché io non lo so. Lo sta dicendo lei, ora parlerò con i miei vigili urbani.

Le tre località sono state segnalate alla Prefettura di Isernia?

Si, lo sanno. I vigili, mi sembra, hanno dato pure le autorizzazioni dell’epoca. Ho segnalato anche un altro terreno. Sto collaborando con le ‘Mamme per la Salute e l’Ambiente’ di Venafro. Mi sto curando un tumore, questa mattina sono stato in ospedale.

Lo lega al fattore ambientale?

Non lo so. Penso più a un discorso di alimentazione. Ci siamo abituati negli anni a mangiare un po’ di tutto, soprattutto cose che, negli anni, si son scoperte cancerogene.

Lei non sposa la tesi delle ‘Mamme di Venafro’ sui veleni presenti in zona?

Il fattore ambientale ha un certo peso, però dobbiamo andare a vedere posti e posti. Certamente uno che lavorava in fonderia, nella Fonderghisa, non possiamo dire che non sia un fattore scatenante per una patologia oncologica. È successo a mio cugino, che è morto. La mia famiglia è stata particolarmente colpita.

Nel nucleo industriale Pozzilli-Venafro si sono registrate strane presenze in passato.

Ricordo una cosa molto importante. Mia madre, parlo di inizi anni 2000, appena dopo l’acquisto della Fonderghisa, aveva un vigneto sotto Pozzilli e mi diceva che in un recipiente con l’acqua la mattina trovava tutto argento sopra. L’ho detto anche in Prefettura. Sono andato lì e mi sono accorto che si trattava di ossido di alluminio. Noi avevamo due cose importanti: Fonderghisa e Rer, due fonderie. Penso che la Fonderghisa fino a un certo punto è stata controllata, come la Rer. Poi i controlli non ci sono più stati. La presenza dei Ragosta in zona non è mai stata presa bene.

Le forze dell’ordine, nell’operazione ‘Campania Felix’ del 2005, collegano i Ragosta con il clan camorristico dei Fabbrocino di San Giuseppe Vesuviano.

Non sapevano agire, arrivavano in Ferrari, parlavano in dialetto. Ostentavano le loro ricchezze, ‘noi facciamo, noi diciamo’.

Volevano acquistare altre due aziende.

Lo so, l’ho saputo. Fortunatamente non li ho mai conosciuti. Penso che siano stati tra le persone peggiori che abbiamo messo piede a Pozzilli. Investirono in un settore in crisi, una speculazione ben mirata.

Chi poteva agire e non ha agito in quel periodo?

Un po’ tutti quanti. Tutti. Nel 2011 ho chiesto espressamente alla Prefettura un tavolo tecnico sulla sicurezza per Pozzilli, perché non si riesce a controllare il movimento di società che molte volte vanno nei capannoni. Prima hanno denunciato una cosa, poi cambiano proprietario. In Prefettura mi hanno detto che sta tutto a posto. Sempre in Prefettura ho ripetuto e chiesto ufficialmente la situazione della piana di Venafro. Mi è stato risposto che sta tutto a posto. Mi sono sempre preoccupato, siamo ai confini con la Campania. Molte volte questi personaggi si infiltrano in piccole realtà. Nel momento in cui ci sono grossi interessi, questi grossi interessi possono essere silenziati con tanti modi.

Servivano le dichiarazioni del pentito di camorra Schiavone per affrontare questi temi?

Bisognava farlo molto prima. Tutti lo sapevamo, non lo so perché nessuno parla. L’attivazione del controllo ci deve essere sempre. Le denunce sulla zona industriale sono state fatte, il problema è che non si è mai denunciato quello che accadeva fuori dalla zona industriale. Bene o male era una zona controllata. C’è stato un periodo che dalle cisterne scaricavano nel collettore, inquinavano il torrente Rava, però dal 1990 in poi si è controllato parecchio. Il problema sta nelle campagne di Sesto Campano e Venafro, dove era più facile scaricare e andare via. Dobbiamo fare molta attenzione, non voglio spingere a dire alcune cose, perché c’è tanta gente che lavora.

Tipo?

Che fa i contadini, che vendono un prodotto, che vendono le mozzarelle. Dobbiamo portare alla certezza e poi si dà la notizia. Alla gente bisogna dire la verità e la verità va accertata. Ci siamo attrezzati per controllare.

La gente, dopo tanti anni, vuole sentire qualcosa di nuovo.

Per la prima volta ho visto tutti i soggetti del territorio insieme. I comuni, la prefettura, i carabinieri, i vigili del fuoco, una sinergia sul territorio che non c’è mai stata.

I controlli?

A cosa servono i controlli se non si investe. Bisogna investire nell’Arpa, senza risorse non serve a niente. Si fanno pagare i macchinari dalla Colacem e da Energonut per controllare l’Energonut e la Colacem. Ho sempre denunciato questa storia, ho sempre detto pubblicamente all’Arpa che non è credibile per l’opinione pubblica. Anche se penso che sono persone perbene, ma il fatto che è stato donato del materiale da chi deve essere controllato non va bene.

Lei ha mai sentito parlare di un certo Antonio Moscardino?

Come no, è un delinquente. Ha fatto parecchi impicci, non stiamo parlando di Ragosta, era uno terra terra. Oggi sta in pensione. Contattò anche me per il terreno di Nola, che ha anche un terreno a Pozzilli dove ha operato Moscardino. Mi chiese un piano con delle sezioni, per delle buche. Le ha riempite con tutto il materiale della Fonderghisa.

da RESTOALSUD.IT clicca per sito

  • Le FOTO

Località ‘Ginestra’ – POZZILLI (Isernia), 13 novembre 2013

pozzilli1

POZZILLI2

DSCF2627

Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’
Località 'Ginestra'
Località ‘Ginestra’

Località ‘Fosse’ – POZZILLI (Isernia), 13 novembre 2013

Località 'Fosse', Pozzilli (Is)
Località ‘Fosse’, Pozzilli (Is)
Località 'Fosse', Pozzilli (Is)
Località ‘Fosse’, Pozzilli (Is)

3

DSCF2629

DSCF2631

DSCF2632

DSCF2634

DSCF2635

DSCF2636

DSCF2637

DSCF2638

DSCF2639

DSCF2640

DSCF2641

DSCF2642

DSCF2643

DSCF2644

DSCF2645

DSCF2646 DSCF2647

DSCF2648 DSCF2649

DSCF2650

DSCF2651

DSCF2652

DSCF2657

DSCF2666

DSCF2667

DSCF2668

IL PIACERE DI LEGGERE… Il Coraggio di dire No su Polizia Moderna, febbraio 2014

IL CORAGGIO DI DIRE NO. Lea Garofalo, la donna che sfidò la schifosa 'ndrangheta (Falco Editore, 2012)

IL CORAGGIO DI DIRE NO. Lea Garofalo, la donna che sfidò la schifosa ‘ndrangheta (Falco Editore, 2012)

IL PIACERE DI LEGGERE

a cura di Anacleto Flori

dalla rivista Polizia Moderna (mensile ufficiale Polizia di Stato)

– febbraio 2014 –

da PoliziaModerna, febbraio 2014

da PoliziaModerna, febbraio 2014

Paolo De Chiara
Il coraggio di dire no
Cosenza, Falco Editore,
pp. 221, € 14
Le mafie si alimentano del silenzio.
Per questo si scagliano con ferocia
contro chi infrange il dogma
dell’omertà, soprattutto se a farlo è
una donna. E Lea Garofalo ha pagato
con la vita il prezzo del coraggio di
dire “no”. I suoi familiari hanno preteso
con forza che i colpevoli subissero la
giusta condanna. De Chiara tratteggia
tutto questo senza tralasciare di
sottolineare le responsabilità di chi
avrebbe dovuto fare forse qualcosa
in più per tutelare la vita di Lea. La
dimensione critica che raggiunge
l’apice nell’elenco di tutte le donne
uccise dalle mafie si trasforma, nel
fluire del testo, in un inno alla lotta alle
mafie. Ricordare per combattere e
per impedire l’assassinio di chi rischia
la vita facendo ciò che è giusto.
Fabio David

21

UNO MATTINA CAFFE’. L’intervista sui Veleni del Molise

IL VELENO DEL MOLISE a Uno Mattina Caffè

IL VELENO DEL MOLISE a Uno Mattina Caffè

 

UNO MATTINA CAFFÈ, Saxa Rubra, Roma 
RAIUNO
3 febbraio 2014


IL VELENO DEL MOLISE. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici (Falco Editore, gennaio 2014)

L’INTERVENTO:

 

UnoMattina Caffè Instagram

uno-mattina-caffe

 

(dal Molise) FUGA DI CERVELLI, la lettera di Mario

fugadicervelli

L’ISOLA INFELICE

Mario, 24 anni, neolaureato in Economia (a pieni voti), in cerca di occupazione – ISERNIA

Sò che quanto sto per scrivere non risolverà probabilmente la situazione, ma, mi sento di dover comunicare la mia frustrazione e, al di là dei social network che sono senza dubbio un mezzo veloce per condividere i propri pensieri, ho bisogno che sia la stampa a diffondere quanto riporterò qui di seguito. La ragione che mi spinge a scrivervi nasce dall’esigenza di dare libere sfogo alle mie preoccupazioni.  Innanzitutto vorrei presentarmi, mi chiamo Mario ho 24 anni e sono un giovane studente neolaureato in Economia a pieni voti, ho concluso il mio quinquennio di studi universitari lo scorso dicembre e sono in cerca di occupazione. In questo mese e mezzo da “disoccupato” ho analizzato bene il mercato del lavoro e sono arrivato alla seguente conclusione: in Italia, l’Università è diventata un parcheggio per studenti. Non esiste (se non in maniera sporadica e pagando fior di quattrini -per informazioni vedi le università private -) un punto di raccordo, un anello di congiunzione tra il percorso di studi e l’immissione successiva ad un posto di lavoro.  I giovani neolaureati sono abbandonati a se stessi, ma la cosa più sconfortante e dover pensare di migrare all’estero per cercare di poter realizzare i propri sogni. Pensavo che la fuga di cervelli fosse solo un banale di titolo di un film ma, ad oggi, mi viene più facile credere che sia la nostra, triste, realtà. Pur vivendo in epoche diverse, posso capire come si è sentito Napoleone quando è stato esiliato a Sant’Elena, un uomo strappato dalla sua terra natale e costretto vivere lontano dalla sua famiglia e noi, giovani neolaureati, ricalcheremo le sue orme, andando ad arricchire il capitale umano di chissà quale paese.

Cordialmente

Mario

(VIDEO) – IL VELENO DEL MOLISE… a UnoMattina Caffè, RaiUno

IMG_3061

“IL VELENO DEL MOLISE. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici” (Falco Editore, 2014, Cosenza)

a UNOMATTINA

Roma SaxaRubra, 13 febbraio 2014

  • dal minuto 9…
“…una pagina di giornalismo d’inchiesta con Paolo De Chiara e il suo libro “Il veleno del Molise”, una denuncia sulle infiltrazioni delle ecomafie a Venafro e nel Molise”.
LA TRASMISSIONE DEL 3 febbraio 2014:

RAI

RAI1

UnoMattina Caffè Instagram

uno-mattina-caffe

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: