Paolo De Chiara

Home » molise » MOLISE: E’ TUTTO UN CONFLITTO DI INTERESSI?

MOLISE: E’ TUTTO UN CONFLITTO DI INTERESSI?

biomasse

MOLISE: E’ TUTTO UN CONFLITTO DI INTERESSI?

di Paolo De Chiara

“Nel Comune di Campochiaro, in provincia di Campobasso (dove volevano far sorgere anche l’inutile aeroporto del Molise), verrà costruito un impianto per la produzione di energia elettrica da biomasse legnose della potenza di 0.99 MWe. L’autorizzazione unica, contenuta nella determina dirigenziale n. 45 del 2012, porta la data del 4 maggio. A distanza di quasi due mesi continua il silenzio intorno a questa vicenda. Che vede tre società interessate, secondo le visure camerali, tra cui una che fa capo direttamente al leader dell’opposizione in Molise, Paolo Di Laura Frattura. L’imprenditore prestato alla politica […]. Il 20 luglio del 2010 la società Gap Consulting srl “ha chiesto l’autorizzazione unica per la realizzazione e l’esercizio, nella zona del Consorzio per lo sviluppo Industriale Campobasso-Bojano del Comune di Campochiaro, di un impianto di produzione di energia elettrica da biomasse”, si legge nella determina, “utilizzante biomassa legnosa ed assimilati”. [… ]. Potrebbe configurarsi la fattispecie di conflitto di interessi per il capo dell’opposizione Frattura? A questa domanda, i suoi colleghi di centro-sinistra, non hanno risposto. Non hanno saputo rispondere, non hanno voluto rispondere. Devono leggere prima le carte”.

Biomasse in Molise, Conflitto di interessi?, 2 luglio 2012. In quella data lo sGovernatore del Molise era Michele Iorio (centro-destra).

 

Non ne so nulla, non ho notizie. Prima dovrei vedere le carte. Sull’impianto specifico non ho nessun documento. Sono stato l’unico a mettermi contro la centrale ad olio vegetali a Trivento e Montefalcone. Il mio parere è scontato su questi argomenti. Se mi devo mettere a battibeccare con questi personaggi di nuova generazione, scelgo io il terreno. […] le centrali a biomasse sono semplicemente degli espedienti. Nascono per le biomasse e alla fine diventano potenziali destinatari, diciamo, di rifiuti”.

Michele Petraroia, cons. regionale Pd, Biomasse in Molise, Conflitto di interessi?, 2 luglio 2012

 

Non ho letto la determina. Mi serve il tempo per leggerla. Devo capire meglio, devo approfondire l’argomento. Se dovesse essere vera la notizia bisogna capire se Frattura è ancora socio. Se dovesse essere socio chiederemo spiegazioni di questa situazione. Devo capire come stanno le cose”. 

Cristiano Di Pietro, cons. regionale IdV,  Biomasse in Molise, Conflitto di interessi?, 2 luglio 2012

 

“[…] è sufficiente vedere quando questo iter autorizzativo è partito, così si rende conto della data in cui è partito. Data nella quale non avevo nessun impegno politico di nessuna natura. Ci sono gli atti ufficiali, le cose si fanno con la tracciabilità, non si fanno con l’obiettivo di nascondere le questioni. Tenga presente, per dovere di cronaca, che io come professionista e come imprenditore il campo dell’energia l’ho sempre seguito. Sono stato un fermo assertore della bontà dell’iniziativa biomasse come fonte di energia. Ma se si dovesse considerare speculativa la mia posizione, di un lavoro di sviluppo prima che mi impegnassi politicamente, non mi sembra corrispondente al vero”.

Paolo Di Laura Frattura, capo opposizione ‘centro-sinistra’ Regione Molise, 2 luglio 2012

 

“[…] in una logica organizzata sul territorio poteva essere una buona iniziativa considerando l’incentivo che c’era rispetto a queste centrali. E’ chiaro però che devono nascere sulla base dell’esigenze del territorio. Se diventano mere operazioni speculative, finalizzate esclusivamente all’importazione da altre Regioni o da altri Paesi di biomasse, è chiaro che non mi vede d’accordo”.

Paolo Di Laura Frattura, capo opposizione ‘centro-sinistra’ Regione Molise, 2 luglio 2012

 

“Dal giorno in cui ho deciso di partecipare alle Primarie per l’individuazione del candidato presidente del centrosinistra, è iniziata la caccia allo scoop … ultima di una lunga ed inutile serie la questione attinente l’impianto di biomasse da realizzarsi a Campochiaro … per questo motivo, con la forza degli atti pubblici, ritengo di dover replicare alle recenti indiscrezioni giornalistiche con la trasparenza: la documentazione evidenzia la cessione a titolo gratuito – effettuata dalla Gap Consulting alla Civitas srl – dell’intera procedura relativa all’iter autorizzativo dell’impianto di Campochiaro. L’atto è datato 28 gennaio 2012. Per completezza delle informazioni, è possibile anche visionare gli assetti societari della Civitas, della Proter e della Gap. Per qualsiasi delucidazione, come sapete, sono sempre a disposizione”.

Paolo Di Laura Frattura, capo opposizione ‘centro-sinistra’ Regione Molise, facebook, 4 luglio 2012

 

“Con le biomasse non ho nulla a che fare. Quando l’iter autorizzativo è partito non avevo nessun impegno politico. Se faccio politica non posso fare l’imprenditore», taglia corto. Passa un anno e diventa governatore, ventotto anni dopo suo padre Ferdinando, democristiano. Ma qui cominciano i problemi. Perché quando si hanno tanti interessi già è difficile guidare l’opposizione, figuriamoci la giunta”.

Compagne e cognati, relazioni e parentele. Vecchie Parentopoli nel «nuovo» Molise, Corriere.it. Sergio Rizzo, Corriere.it, 14 maggio 2013

“L’ok della Giunta regionale nonostante la pronuncia del Tar il giorno prima l’approvazione di una moratoria che prevede per un anno la sospensione di autorizzazioni per la realizzazione di impianti fotovoltaici eolici e da altre strutture per la produzione di energia. Ovviamente il sì alle centrali ha fatto andare su tutte le furie amministratori e associazioni e cittadini dell’intero comprensorio matesino che da qui in avanti hanno promesso al governo regionale battaglia legale e mobilitazione generale. L’avvocato Alfono Mainelli ala dura del movimento ambientalista di Bojano precisa: «La nostra regione è sotto assedio, qui siamo di fronte a superamenti della legge. Chiediamo, perciò, agli organi di Sato e giudiziari di intervenire. Abbiamo una documentazione ampia e chiara delle irregolarità e delle illegalità. La Regione Molise a nostro avviso prevedendo impianti del genere viola la legge sui controlli obbligatori degli inquinanti classificati cancerogeni dall’Oms»”.

Cresce il fronte del no alle centrali a biomasse, Il Tempo Molise, 3 luglio 2014

 

“Tanto per esercitare la memoria prima mia e poi degli altri, nel 2011 proprio Iorio approvava, con i suoi assessori, compresa la consigliera Angiolina Fusco Perrella, altra estemporanea paladina della difesa dell’aria matesina, l’incremento di dotazione finanziaria con contestuale approvazione di graduatoria per progetti di impresa innovativa, tra questi la società Di Zio Costruzioni Meccaniche per la realizzazione di una centrale a biomasse da 10 megawatt. Il megaimpianto che, misteri di una informazione che ricerca in ogni dove presunti conflitti di interessi, oggi fa molto meno notizia del ben più piccolo impianto da 0,999″

Paolo Di Laura Frattura, Governatore Molise, Ansa.it, 2 ottobre 2014

“I sindaci dei comuni matesini mi chiedono di bloccare le autorizzazioni per la realizzazione di una centrale a biomassa di 0.999 MWe rilasciate a seguito del parere favorevole espresso in Conferenza dei servizi dalla Provincia di Campobasso, dall’Arpa Molise e dai Servizi regionali di valutazione ambientale, biodiversità e sviluppo sostenibile e tutela ambientale. Questi soggetti, tutti, hanno espresso parere favorevole all’impianto. Malgrado questo, ora si prova ad ignorare che un minuto dopo l’approvazione da parte del Consiglio regionale della mozione che mi impegnava a provvedere per l’annullamento delle autorizzazioni ho interpellato il dirigente del Servizio energia della Regione Molise affinché si attivasse sulla vicenda. Dando atto al dirigente della tempestività e della professionalità dimostrate, la risposta è arrivata in tempi altrettanto, anzi, straordinariamente celeri. Noi per primi, anche e forse soprattutto come padri di figli che si vorrebbe veder crescere e diventare adulti a casa propria, perseguiamo l’idea di uno sviluppo compatibile con il nostro ambiente, patrimonio che intendiamo tutelare e valorizzare con i fatti non con i divieti a prescindere”.

Paolo Di Laura Frattura, Governatore Molise, comunicato stampa, 2 ottobre 2014

 

Oltre 3 mila firme in poco meno di una settimana. L’opposizione di ben 12 consigli comunali con relativo ricorso al Tar. Il NO del consiglio provinciale. E ancora, il NO del consiglio regionale che ha richiesto l’annullamento delle autorizzazioni. Le mamme coraggio, che da due settimane insieme a cittadini comuni, associazioni, movimenti, amministratori locali, presidiano il nucleo industriale di Campochiaro, giorno e notte, per contrastare e impedire la realizzazione delle tanto discusse centrali a biomasse a valle del Matese. Gli artisti e le 5mila persone che ieri hanno animato e reso possibile la maratona musicale “Matese in Musica”.

‘Matese in Musica’: l’esercito dei 5 mila per la battaglia a difesa della natura e della salute, cblive.it, 12 ottobre 2014

ottobre 2014

cane no biomasse


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: