Mese: marzo 2015

FOSSANO (Cuneo) RICORDA LEA GAROFALO, 28 marzo 2015

LEA

A FOSSANO (Cuneo)
Lea Garofalo. Il Coraggio di dire NO, Castello degli Acaja, 28 marzo 2015.

INAUGURAZIONE DELLA VIA CITTADINA DEDICATA A LEA… la fimmina ribelle che sfidò la Schifosa ‘ndrangheta!!!

per non dimenticare LEA

cop mano quarto

una via per lea garofalo

LA RICHIESTA DEI TESTIMONI DI GIUSTIZIA: “MATTARELLA SI DISTINGUA DAL GOVERNO”

mattarella

Mattarella, da Repubblica.it

di Paolo De Chiara

“Noi del gruppo testimoni di giustizia campani ci chiediamo se Mattarella riconosce in noi il vero segnale dell’antimafia”. Questa la dichiarazione a caldo di Luigi Coppola, il portavoce dei testimoni della Campania, che ha chiesto a gran voce un incontro con il neo Presidente della Repubblica. Due giorni e due notti di sit-in a Roma, in piazza del Quirinale, per incontrare il Capo dello Stato. Due giorni di inutile attesa. Le porte della ‘casa degli Italiani’ non si sono aperte per queste persone, per questi cittadini che hanno denunciato le organizzazioni criminali. Cittadini onesti che non hanno girato la testa dall’altra parte, facendo semplicemente il proprio dovere. Perdendo il nome, gli amici, il lavoro. La libertà eluigi coppola tdg la speranza. “Ancora non siamo stati accolti da Mattarella – ha dichiarato Coppola -, tutto il contrario di quello che al suo giuramento ci sembrò di capire. Ci eravamo caricati di tante speranze. Finalmente un Presidente che ama chi combatte le mafie. Invece anche lui ci ha mollato. Uomini che per lo Stato hanno messo in bilico la vita e il futuro, ci sentiamo lasciati fuori dal capo dello Stato”. Un’altra manifestazione si era registrata, sempre nella Capitale, qualche settimana fa. Per chiedere l’attuazione del decreto che prevede l’assunzione nella Pubblica Amministrazione. Un lavoro e maggiori attenzioni per le loro problematiche. Hanno chiesto al “popolo onesto di non essere abbandonati”. Si legge in una nota, a firma dei testimoni di giustizia campani: Sembrava che lo Stato si stesse adoperando per ridare dignità ai testimoni di giustizia, uomini e donne onesti che hanno avuto il coraggio di denunciare le mafie, pagando in prima persona questo loro coraggioso gesto, ma la speranza di avere un lavoro finora è rimasta un miraggio”. Non sono tanti i testimoni di giustizia in Italia, stiamo parlando di circa 85 persone. Perché non si risolvono i problemi di questi cittadini? Perché non è mai stata presa in considerazione la Relazione della Commissione Antimafia, relatrice Angela Napoli, del 2008? Perché non è ancora stata fatta una legge solo per i testimoni? Per la Napoli “le loro testimonianze fanno paura, sono coraggiose e rivolte in maniera individuata a persone. Provengono da soggetti che non hanno commesso alcun reato. Ogni testimone è diverso dall’altro, ognuno va valutato per sé. Sono storie che vanno conosciute. I testimoni sono vittime di mafia”.

Luigi Coppola, avete scritto qualche giorno fa che “siete determinati”. Ma le porte, per voi, restano chiuse.  Mattarella non vi ha ricevuti. Come spiegate questo comportamento da parte del Presidente della Repubblica?

Dallo scorso 17 febbraio, con una nota scritta, abbiamo chiesto questo incontro. Non accettiamo incontri con funzionari del Quirinale, vogliamo guardare negli occhi Mattarella. Vogliamo rimarcare questa nostra volontà di parlare con lui che di mafia ha patito. Andare al Quirinale e depositare un’istanza non serve, non ci interessa e non offre il risultato sperato. Mattarella deve prestare attenzione alle persone che ci rimettono la vita. La morte del fratello (Piersanti, ucciso da Cosa Nostra il 6 gennaio 1980, ndr) dovrebbe far aprire le sue braccia, non solo le porte del Quirinale. Lui ha parlato di parte sana della società e poi non la riceve?

Sono stati due giorni buttati? È stato inutile questo sit-in al Quirinale?

No, è stato utile farlo. Adesso aspettiamo un gesto del Presidente. Se si fa consigliare da chi non vuole combattere le mafie questa è la prova che non si vogliono combattere le organizzazioni criminali presenti sul territorio italiano.

Cosa avreste voluto chiedere al Capo dello Stato?

Lui è il garante della Carta Costituzionale, vogliamo sapere se per il Capo dello Stato è normale che una legge fatta dallo stesso Stato non venga portata avanti (l’assunzione dei testimoni di giustizia nella pubblica amministrazione, ndr).

Come vi comporterete nei prossimi giorni?

Questo sit-in non si è interrotto. Lasciamo per un po’ di giorni, poi ripartiremo alla carica.

In che modo?

Con un sit-in più lungo, a turnazione. Devono darci delle risposte chiare, guardandoci in faccia. Non molleremo la presa facilmente.

Se tutto ciò non accadrà?

Vorrà dire che Mattarella è la fotocopia dell’attuale Governo.

Com’è l’attuale Governo?

Ha poca sensibilità nei confronti dei testimoni di giustizia, di chi combatte realmente e concretamente le mafie. Non ho mai sentito una parola da parte del Ministro degli Interni Alfano nei confronti dei testimoni.

vedo sento parlo

APPALTI & CAMORRA: il Processo di Monza

ciclopedonale

da Corriere.it

 di Paolo De Chiara

MONZA. Il processo sulla passerella ciclopedonale di Cinisello Balsamo (Milano) sta entrando nel vivo. Le denunce del testimone di giustizia Gennaro Ciliberto stanno riportando alla luce gli affari, i legami, le anomalie, le tangenti, le collusioni. I rapporti con la Camorra, quella che fa gli affari negli appalti pubblici. La famosa passerella è costata “oltre 13 milioni di euro”, e dopo sette anni è ancora chiusa. Tutto sta emergendo grazie alle dichiarazioni dell’ex carabiniere ausiliario, già responsabile sicurezza del cantiere di Cinisello. La sua testimonianza ha aperto uno squarcio sui rapporti tra alcuni dirigenti Anas, Imprengilo, Autostrade per l’Italia e aziende legate alla criminalità organizzata. Nelle sue dichiarazioni parla anche di un generale dell’Arma dei Carabinieri in rapporti di amicizia e di affari (una società di maneggio a Sorrento) con la famiglia Vuolo di Castellammare di Stabia. Già in una sentenza del Consiglio di Stato, del 29 febbraio 2008, è possibile ricostruire i rapporti e gli affari con il clan D’Alessandro. A partire da Lucia Coppola, socia accomandante della ditta C.M. sas (Carpenteria Metallica), “in rapporto parentale con persone ritenute affiliate ad un potente sodalizio criminale operante nell’area stabile”. Lucia è la figlia di Gaetano Coppola “noto pregiudicato ritenuto affiliato al clan D’Alessandro”, ma è anche la moglie di Pasquale Vuolo, detto Capa storta, “elemento emergente dello stesso clan, già arrestato e segnalato per l’applicazione di misure di prevenzione, frequentatore di diversi pregiudicati e già amministratore di società dichiarata fallita”. Lo stesso soggetto che ha minacciato il testimone: “Sono un criminale, le schifo le guardie. Ti vengo a prendere sino a Milano”. Affermazioni rilette durante il processo di Monza, dall’avvocato Inzillo. Insieme alla minaccia più infamante: “Passeremo a prendere tua figlia a scuola”. Nelle motivazioni del Consiglio di Stato appare un altro nominativo, quello di Davide Cardone, il socio accomandatario della ditta C.M. sas, “segnalato per i reati di detenzione e porto di arma illegale, minaccia e ingiuria e violazione di sigilli”, fratello di Giuseppina, “socio accomandante della società Taddeo e Vuolo, dichiarata fallita”. Tutte società riconducibili alla famiglia Vuolo. Tutte denunciate dal supertestimone Ciliberto. Nell’ultima udienza, lunedì 23 marzo, c’è stato il controesame. Il faccia a faccia con gli avvocati difensori dei Vuolo. Toni alti, parole grosse. Il giudice è dovuta intervenire in più occasioni. “Non ho paura dei Vuolo, non ho paura dei loro avvocati” aveva annunciato Gennaro. Lo sta dimostrando. Sta ricostruendo il suo ruolo in quelle ditte, il suo incarico nell’appalto milionario Anas-Impregilo per la realizzazione dell’opera di Cinisello. Ha ricostruito i vari passaggi tra i Vuolo e Cirami, il contract manager dell’Impregilo. Il punto di riferimento per le aziende dei Vuolo, il trait d’union. “Va in cerca dei vari Vuolo – ha dichiarato il testimone – il suo potere è immenso, dettava legge. Lui indirizzava Vuolo su cosa e come chiedere altri soldi. Gestiva un lotto sulla Salerno-Reggio Calabria di un miliardo e 700mila euro, io ho denunciato le infiltrazioni dei Vuolo nel tratto di Palmi. Lui diceva sempre a Vuolo: ‘non mi piace Ciliberto, è sempre un ex carabiniere, possiamo fidarci?’. Nella telefonata con Mario Vuolo del 19 maggio 2011, ore 20:06, Cirami parla di “una cosa pesantissima”, riferendosi alla denuncia del testimone Ciliberto. Una cosa pesantissima anche per il perito Massimo Maria Bardazza. La perizia del 28 settembre 2011, chiesta dal pm Franca Macchia, parla di saldature “mal eseguite”, di “intervento criminale”, di “certificati falsi”. La decisione dell’ex responsabile sicurezza ha lasciato il segno. Anche il giorno del sequestro, 17 giugno 2011, i due (Alfio Cirami e Mario Vuolo) si sentono telefonicamente. È Cirami che indica la ‘via d’uscita’: “bisognerà dimostrare che questo è un pazzo scatenato, che ti ha chiesto i soldi. Che non so dove cazzo è… e comunque lui ha consegnato delle foto, come ti dicevo, dove dimostra che è saldato male, che i ferri sono tagliati. Adesso, lunedì, il nostro avvocato penale, qui ci vuole un penalista con le palle, non so se ce l’hai, cercatelo già, bisogna andare a dimostrare che quelle foto non c’entrano niente e che comunque si può fare un altro collaudo, comunque vieni domani che ti spiego tutto quanto, che la situazione non è drammatica, è più che drammatica…”. Una storia corruttiva di attualità, che dimostra che i controlli antimafia in questo Paese “sono spesso elusi – spiega Ciliberto – e che gli appalti vengono divisi a tavolino in cambio di rolex, soldi, case e auto. Questo processo deve far luce non solo sulle anomalie strutturali, che avrebbero causato il crollo della passerella, ma anche sul giro di tangenti e collusioni”. La prossima udienza si terrà lunedì 20 aprile 2015.

Gennaro C.

‪#‎LATRATTATIVA‬ sTATO-MAFIA, Campobasso, 26 marzo 2015

manifesto trattativa, 26 marzo 2015

‪#‎LATRATTATIVA‬ sTATO-MAFIA
Campobasso, 26 marzo 2015
ore 19:00 APERTURA prima della proiezione con il giornalista Paolo De Chiara e Cristiana Muccilli (Libera Molise).
ore 20:00 Proiezione del Film
ore 21:45 Dibattito con l’autrice del film Sabina Guzzanti

—————————————————————————–

Corte d’Assise di Firenze, sentenza Francesco TAGLIAVIA (condannato per concorso nelle stragi del ’93), 2 marzo 2012

“Una trattativa indubbiamente ci fu e venne, quantomeno inizialmente, impostata su un do ut des. L’iniziativa fu assunta da rappresentanti delle istituzioni e non dagli uomini di mafia”.

———– da IL FATTO QUOTIDIANO, 3 settembre 2014 —————————————

“Senza la cosiddetta Trattativa oggi avremmo un Paese migliore. E Falcone e Borsellino sarebbero ancora in vita”. Sabina Guzzanti racconta così il suo film – La trattativa – presentato al Lido fuori concorso. Accolto splendidamente ad entrambe le proiezioni stampa, il film è stato applaudito anche durante la conferenza stampa internazionale. Ma cerimoniali a parte, il suo nuovo lavoro per il cinema è stato salutato con attenta positività dalla maggioranza degli operatori presenti in Mostra. Guzzanti, da parte sua, ha “salutato” il cinema come “quel medium artistico,così speciale, la cui dimensione collettiva gli fornisce una forza che gli altri media non hanno”. Anche, evidentemente, per opere così particolari come la sua, dal connubio forma/contenuto/sensibilità mai banali. Ne La trattativa, i fatti indiscutibilmente accaduti sono riprodotti per ricostruzione teatrale, resi da magnifica recitazione “brechtiana” da altrettanto magnifici interpreti. Seppur abituati alla precisione della “ricercatrice Guzzanti” rispetto alle fonti, in questo film colpisce la quantità raccolta alla base del progetto. Come dunque si è procurata i materiali e gli atti processuali? “Innanzitutto vi informo che a Radio Radicale sono a disposizione tutti i processi sulla questione Stato-Mafia; il mio sforzo iniziale è stato capire come funzionano i processi.. anche perché io – per fortuna – non ho una formazione giudiziaria”.

Nel corso della conferenza stampa, Sabina ha poi espresso quello che per lei è lo scopo del film, ovvero “mettere tutti – specie chi non si informa sui media e giornali – in grado di conoscere i fatti che hanno cambiato il corso della nostra democrazia. Questo perché troppo spesso si sente parlare genericamente della questione Stato-Mafia”. La raccolta e approfondimento della materia non sono stati naturalmente semplici. Ed anzi, spiega, “più studiavo e più mi sentivo vittima di depressione e paura: ho anche pensato cose tipo ‘questa volta me ne vado dall’Italia’”. Nel periodo preso in esame dalla pellicola – i primi anni ’90 – “l’Italia stava cambiando ma sembra che le istituzioni italiane avessero paura della democrazia stessa, sembra che prendessero qualunque decisione pur di evitare che si realizzasse”. Il punto a cui vuole arrivare la Guzzanti è il senso (o mancanza) di responsabilità della politica, certamente in quegli anni acuti, ma anche in generale. E non solo, “tale senso di responsabilità deve riguardare tutti i cittadini: non è giusto delegare tutto alla magistratura”.

“Tenete presente che questo è un film inattaccabile nei suoi contenuti: considerate che ogni parola del film è stata controllata 1.671 volte”. E come esempio di inattaccabilità dei fatti narrati, ripercorre la mancata perquisizione del covo di Totò Riina: “La cui perquisizione avrebbe messo al muro Cosa Nostra. Se avessero aperto quella cassaforte avrebbero trovato tutti i collaboratori di Riina, perché tutti i mafiosi tengono custoditi i nomi dei collaboratori per poterli ricattare”. Puntuale e determinata, Sabina Guzzanti precisa ancora: “Il processo è uno strumento per cercare la responsabilità penale di un reato, ma in Italia solo dal ’92/’93 l’opinione pubblica ha iniziato a ragionare anche prima che arrivino o meno le condanne”, un’affermazione che in qualche modo affronta il modus attraverso il quale media/vox populi e operatori della giustizia in senso stretto oggi tendono o meno a conformarsi. Ed altrettanto dure sono le parole arrivate rispetto alle domande sulle pressioni del presidente Giorgio Napolitano: “E’ documentato che Napolitano abbia fatto pressioni sulla Cassazione e su Grasso: la lettera di Marra scritta alla Cassazione è un fatto”. Last but not least, Sabina è stata interrogata rispetto alla sua presenza a una Mostra in cui è programmato anche il film Belluscone di Franco Maresco: “Attenzione, il mio non è un film su Berlusconi, è un film sullo Stato italiano e sulla Mafia”.

wiki (1)

La carica dei trecento che hanno scelto di sapere

Un successo la serata organizzata dal MoVimento 5 Stelle in compagnia di Sabina Guzzanti e la sua “Trattativa”

Il Molise, invece, si è distinto: ha scelto di sapere. E non capita spesso. Sono state centinaia le persone che hanno affollato il Cinema Maestoso per una serata aperta dall’introduzione storica di Franco Novelli di ‘Libera contro le Mafie’ e proseguita con le staffilate del giornalista e scrittore Paolo De Chiara: “Paolo Borsellino muore per la trattativa tra i boss corleonesi e pezzi delle istituzioni”, cita. Poi il parallelo e una nuova citazione, quella di don Peppe Diana che diceva: per amore del mio popolo non tacerò. “Neanche noi dobbiamo tacere – ha detto De Chiara – Non possiamo continuare a parlare di Molise come isola felice”. Un Molise toccato direttamente o indirettamente da traffico di rifiuti tossici, droga, addirittura, armi.

Sabina Guzzanti a Campobasso

Sabina Guzzanti a Campobasso

Paolo De Chiara

Paolo De Chiara

APPALTI PUBBLICI ALLA CAMORRA, PARLA IL TESTIMONE

Gennaro C.

di Paolo De Chiara

“Sono carico, non ho paura di questa gente e dei loro avvocati”. È Gennaro Ciliberto che parla, che urla la sua rabbia. Il Testimone di Giustizia che ha denunciato la criminalità organizzata, la corruzione e le infiltrazioni negli appalti pubblici. L’ex carabiniere ausiliario che non ha dato tregua ai suoi datori di lavoro: la famiglia Vuolo, ‘imprenditori’ di Castellammare di Stabia “con precedenti penali alle spalle – scrive nell’interrogazione parlamentare del 2013 Luca Frusone del M5Stelle – e sospetti legami con il clan camorristico D’Alessandro. Il figlio di Mario Vuolo, Pasquale detto ‘Capa storta’ viene definito figura emergente del clan e la nuora è figlia di un affiliato di spicco della cosca D’Alessandro”. Un bel quadro criminale. Gennaro ha lavorato per questa gente, per il “re delle autostrade” Mario Vuolo. Doveva diventare il ‘garante’, la testa di legno. Nel 2008, anno del crollo del casello di Cherasco (Cuneo), viene nominato responsabile della sicurezza, con un appalto Anas-Impregilo (“Anas gira l’appalto a Impregilo e quest’ultima gira l’appalto a Mario Vuolo, qui c’è la corruzione”), per la realizzazione della passerella ciclopedonale ss36 di Cinisello Balsamo (Milano). Un’opera pubblica mai aperta al pubblico, sotto sequestro e costata diversi milioni di euro. “Incomincio a lavorare e c’è il crollo del casello di Cherasco”. Il casello è stato costruito dalla Carpenfer Roma srl, una delle tante aziende di Mario Vuolo, “un appalto preso da una ditta di Agrigento, poi dato a Vuolo dietro pressioni di un funzionario di Autostrade”. La pensilina di Cherasco, come precisa e denuncia Ciliberto, non è un caso isolato. L’ex carabiniere si accorge della situazione, comincia ad indagare. Fotocopia i documenti, fotografa, registra le conversazioni. “L’appalto di Cinisello Balsamo è l’espressione della corruzione, è la mamma di tutte le loro tangenti”. I rapporti tra Gennaro e i Vuolo cominciano a deteriorarsi, troppi problemi. Troppi pericoli. Il 14 settembre 2010 subisce una strana rapina. Un tizio si avvicina e urla “dammi l’orologio”. Non finisce nemmeno la frase e scarrella la pistola. Ma commette un errore. “C’è già un colpo in canna, il proiettile cade a terra. Ho il tempo per colpirlo con due calci. Mi spara e mi colpisce di striscio alla tibia destra. Mi mette la pistola in testa e preme il grilletto, il colpo non parte. Comincia a colpirmi con il calcio della pistola. Mi portano in ospedale, il medico non chiama la polizia”. Dopo la sparatoria si interrompono definitivamente i rapporti con i Vuolo. Il 4 febbraio 2011 la prima denuncia alla DIA di Milano. Racconta tutto quello che ha visto, consegna i documenti, scoperchia la pentola. Parla degli affari, dell’attività criminale, della famiglia Vuolo, del clan D’Alessandro di Castellammare di Stabia. Presenta denunce in tutta Italia. Parla dei Punti Blu sulle autostrade (“i Vuolo vincono, con affidamento diretto, i lavori per la realizzazione di tutti i Punti Blu d’Italia. Appalto di quattro milioni di euro”), del tratto autostradale Salerno-Reggio Calabria, del ponte sullo stretto di Messina, di ponti, caselli (Rosignano, Senigallia, Settebagni), del casello di Firenze, dei lavori sull’autostrada A11 e A12 (scrivono i periti: “gravi cedimenti strutturali, grave pericolo”), dell’appalto sull’A22 (bando europeo, società Brennero, per le barriere fonoassorbenti), di una gara pubblica a Locate Triulzi (Milano), di un appalto al carcere di Larino (barriere fonoassorbenti, per un valore di un milione di euro). Parla, un anno prima, dei lavori realizzati sul tratto autostradale nei pressi di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), dove nel dicembre del 2012 crollerà la segnaletica. Non si è mai arreso Gennaro: “tutti i cavalcavia fatti dai Vuolo, nel tratto che va da Barra a Nocera Inferiore, sono a rischio crollo”. La sua storia è contenuta nel libro Testimoni di Giustizia. Uomini e donne che hanno sfidato le mafie, Giulio Perrone Editore.

MONZA: Il Processo nel Processo. Il primo atto è iniziato il 26 gennaio di quest’anno. Tutto ruota intorno alla costruzione della passerella di Cinisello Balsamo (Milano), sequestrata dalla Procura il 17 giugno del 2011.“Si sono accertate le anomalie – spiega il testimone di giustizia – ma nessuno la vuole. Mi fanno vedere le foto e si vedono gli errori progettuali, le anomalie delle saldature. Se fosse crollata quell’opera avrebbe fatto una strage, è una strada trafficata”. Molte dichiarazioni sono state confermate dalla DIA di Firenze e dalla Procura Generale di Monza. “Ma i difensori dei Vuolo e degli altri imputati puntano a delegittimarmi”, per far ‘cadere’ il testimone di giustizia. L’unico a confermare in aula le accuse. Lo avevano già avvisato. “Il manager Impregilo, Alfio Cirami, oggi imputato nel processo di Monza per la passerella mi disse: ‘Tu non lavorerai mai più in nessun appalto, tu non sai noi chi siamo. Ti prenderanno per un folle’”. Gennaro, invece, è ritenuto credibile, ha squarciato il muro di omertà. “A Monza si sta svolgendo un processo nel processo, stanno uscendo fuori tante altre cose. Voglio fare il mio dovere, fino alla fine. La Dia ritiene di aver trovato conferme a molte delle anomalie segnalate, sia riguardo al modus operandi del gruppo imprenditoriale che, si legge in un comunicato, ‘dispone di ingenti capitali di dubbia provenienza e tenta sistematicamente di corrompere i rappresentanti degli enti committenti’, sia riguardo a ‘fraudolente modifiche di disegni progettuali, soprattutto nella parte relativa alle saldature delle pensiline, da parte degli imprenditori indagati e di alcuni tecnici collusi’”. Gli otto avvocati degli imputati, per la prossima udienza fissata lunedì 23 marzo a Monza, “hanno chiesto più di sette ore di controesame. Sono pronto”. Gennaro è assistito (“quasi gratis”) dall’avvocato Giacinto Inzillo, “mentre loro hanno avvocati che pagano con fior di quattrini. Perché lo Stato non tutela legalmente i testimoni di giustizia? Dov’è lo Stato?” Dov’era lo Stato quando sono stati affidati gli appalti alle aziende in odor di camorra? Chi effettua i controlli antimafia in questo Paese? “Sarà un processo difficile – ha dichiarato dopo la prima udienza il testimone – ma io ci sarò sempre. Avrei potuto non vedere né parlare e godermi una vita di lusso e di potere. Avrei potuto cedere alle minacce e ritrattare, ho solo fatto il mio dovere di uomo onesto. Ma ora pretendo la verità”. La prima udienza ha lasciato Gennaro con l’amaro in bocca: “non c’era nessun cittadino di Cinisello Balsamo, nessuno della società civile, nessuna associazione. Dopo quattro anni di isolamento mi aspettavo il calore e la vicinanza del popolo onesto. Questo mi ha fatto male, molto male”. Cosa accadrà il prossimo 23 marzo? Il testimone sarà nuovamente lasciato solo? Le persone perbene vanno difese in vita.

da RESTO AL SUD

_MG_6402_1 copia

GENNARO CILIBERTO – TESTIMONE DI GIUSTIZIA

Ex carabiniere ausiliario, già dirigente di una ditta legata alla camorra di Castellammare di Stabia. Ha denunciato i lavori sulle autostrade italiane, da Nord a Sud; nei carceri; gli appalti conferiti da alcuni dirigenti corrotti di Autostrade per l’Italia, Anas e Impregilo.

La sua testimonianza, presso svariate Procure della Repubblica, ha permesso di scoperchiare la pentola della corruzione. Milioni di euro, camorra, malaffare. Tutto in cambio di nulla. Ha subìto l’isolamento, la solitudine, il silenzio. Non ha girato la testa dall’altra parte. Ha continuato la sua battaglia. Non si è fatto intimorire, ha subìto minacce, attentati. Ha lottato per la legalità. Grazie alla sua testimonianza oggi, a Monza, è iniziato un procedimento penale per la costruzione della pensilina ciclopedonale, dove sono stati buttati 16 milioni di euro. È stato utilizzato del materiale scadente, i lavori sono stati fatti dalla camorra.

Dopo tre anni di attesa, dalla prima denuncia, è arrivato il programma di protezione. Solo dopo una raccolta firme su change.org, più di 40mila firme raccolte in rete. Oggi Gennaro C. è un testimone di giustizia, per le pressioni si è ammalato, soffre di una grave patologia. Ma non si sente vinto. La battaglia è appena cominciata.

La sua storia è contenuta nel libro Testimoni di Giustizia. Uomini e donne che hanno sfidato le mafie (Perrone Editore, Roma, 2014) di Paolo De Chiara. Pagg. 34-68.

 Ecco un breve estratto del libro (pagine 66-67):

La petizione e il programma di protezione

Nel novembre del 2013, durante lo sciopero della fame davanti al Viminale, Gennaro si sente male e viene portato in ospedale, ma rifiuta il ricovero (“per la paura – scrive l’avvocato Inzillo – di essere rintracciato”). Nello stesso giorno apprende dai giornali che Nicola ’O mostro è sfuggito ad un blitz delle forze dell’ordine (“sul giornale c’era la sua foto e l’ho riconosciuto. Lo vidi negli uffici di Vuolo, dove consegnò un barattolo con 200 mila euro”). “Ho toccato con mano quella parte di Stato che non funziona, quella parte di Stato fatta di uomini distratti che fanno della lotta alla criminalità un bluff. Una macchina burocratica che rende tutto una finzione”. Il 14 gennaio 2014 arriva, per Gennaro, una nuova richiesta di protezione, questa volta firmata dall’avvocato Giacinto Inzillo, che mette in risalto “il grave e attuale stato di pericolo” per la sua incolumità e per quella della sua famiglia. Una “situazione che  inevitabilmente richiede e merita un adeguato intervento da parte dello Stato”. La rete si mobilita per il testimone. In pochi mesi più di 42mila firme vengono raccolte da Change.org, il 28 febbraio l’annuncio: “Il calvario di Gennaro C., da tre anni in fuga per l’Italia per aver denunciato infiltrazioni della camorra negli appalti pubblici autostradali, è finito. Il PM della DDA di Napoli, Claudio Siragusa, ha riconosciuto il suo ruolo di testimone di giustizia, consentendone l’inserimento all’interno del programma di protezione”. Ma come vive oggi l’ex addetto alla sicurezza? “Nell’anonimato, nell’ombra. Non riesco a vivere una vita normale, ancora non ho un’assistenza sanitaria, non riesco ad avere i documenti di copertura. Vivo con la mia compagna, sotto protezione, e con un neonato […]”. Una piccola consolazione per Gennaro. Nella notte tra il 4 e il 5 luglio 2014 i Carabinieri hanno individuato e arrestato Nicola Esposito, ’O mostro, latitante dal novembre 2013, capo del clan Cesarano. Era rimasto nascosto nel suo territorio. Gennaro e la sua famiglia, per adesso, invece, devono dimenticarlo il loro territorio.

IMG_7222

TESTIMONI di GIUSTIZIA… a MONDRAGONE, per non dimenticare don Peppe DIANA, 19 marzo 2015

don peppe

MONDRAGONE, 19 marzo 2015… con gli Studenti per parlare di Testimoni di Giustizia. Il coraggio contro le mafie e per NON DIMENTICARE don Peppe DIANA: “PER AMORE DEL MIO POPOLO”… NON TACERO’!!!

LA VERITA’ ILLUMINA LA GIUSTIZIA
Giovedì 19/03/2015, ore 9:00 – Libera MONDRAGONE, Liceo Scientifico “G.GALILEI”. SALUTI del Dirigente Scolastico Giorgio BOVENZI
PRESENTAZIONE del Libro “TESTIMONI DI GIUSTIZIA” di Paolo De Chiara

Con Luigi Coppola, TdG e Pina CASELLA, Consiglio Superiore della Magistratura.
SALUTI: Giovanni SCHIAPPA, Sindaco di Mondragone
Modera il prof. Silvio MACERA
LA CAMORRA E’ UNA MONTAGNA DI MERDA!!!

1 2 3 4

II INCONTRO CON GLI STUDENTI DI MONDRAGONE

19 marzo 2015

5 6 7 don peppe LA STAMPA

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI  MONDRAGONE (CE) vedo sento parlo

00 0

TESTIMONI di GIUSTIZIA… con gli Studenti di Formia e il TdG Cosimo Maggiore, 13 marzo 2015

1

GRAZIE DI CUORE per la bellissima giornata passata con gli Studenti del Liceo ‘Vitruvio’ e gli amici di Formia

(13 marzo 2015)

…per parlare di Legalità, di Testimoni di Giustizia e per ricordare che le mafie sono una Montagna di Merda!!!

Annibale Mansillo Paola Senza Bavaglio Villa Cosimo Maggiore Rossella Tempesta

INSIEME SI PUÒ!!!

2 3

6

1 _MG_6402_1 copia 3 4 5 6 7 8

11

MALEDETTO IL GIORNO CHE HO DENUNCIATO... con Cosimo Maggiore, Formia, 13 marzo 2015

TESTIMONI DI GIUSTIZIA… a PESCARA, La Feltrinelli, 11 marzo 2015

libri2

TESTIMONI DI GIUSTIZIA a… PESCARA

La Feltrinelli Pescara

11 marzo 2015 con la collega Maria Rosaria la Morgia, foto del collega Domenico Logozzo.
Testimoni di Giustizia. Il coraggio contro le mafie

feltrinelli pescara

00

libri

0

manifesto evento

3

TESTIMONI DI GIUSTIZIA… a CASACALENDA (Cb), 10 marzo 2015

CULTURA DELLA LEGALITÀ… con gli Studenti di CASACALENDA (Cb), 10 marzo 2015. 

GRAZIE DI CUORE A TUTTI… Insieme si può!!! 

CULTURA DELLA LEGALITÀ…in Puglia, 6 e 7 marzo 2015

INSIEME SI PUÒ!!! Due giorni intensi, due giorni dedicati alla Cultura della Legalità, due giorni per raccontare Storie importanti, due giorni per urlare pubblicamente che le Schifose mafie sono una Montagna di Merda. GRAZIE DI CUORE… all’Associazione Antiracket e Antiusura, al presidente Paride Margheriti e a tutte le persone che ‘lavorano’ con passione intorno a questa necessaria realtà, all’avvocato Franco Fistetti, ai tantissimi studenti, ai docenti, ai presidi, ai rappresentanti della comunità, alle forze dell’ordine, alle colleghe di BrindisiOggi Lucia Portolano …A TUTTI!!! 

“A che serve avere le mani pulite se si tengono in tasca”, don Lorenzo Milani

 


DONNE & Mafia… a Brindisi, 7 marzo 2015



DONNE E MAFIA… per non dimenticare Lea GAROFALO, la fimmina ribelle che sfidò la Schifosa ‘ndrangheta, Brindisi (7 marzo 2015)

























CULTURA DELLA LEGALITÀ NELLE SCUOLE DI BRINDISI, 7 marzo 2015




GRAZIE di CUORE ai Ragazzi, ai Docenti, alle Presidi dell’ITIS ‘Giorgi’ e del NAUTICO ‘Carnaro’ di Brindisi per la bellissima e intensa giornata dedicata alla Cultura della Legalità… Per non dimenticare Lea GAROFALO (la fimmina ribelle che sfidò la Schifosa ‘ndrangheta) e i Testimoni di Giustizia (Uomini e donne che hanno sfidato le Schifose mafie). 

Questa sera, ore 18:00, nuovo incontro su “Donne e Mafia: tra Coraggio e potere”, Palazzo Granafei Nervegna (Brindisi).

LA SCU È UNA MONTAGNA DI MERDA!!!






























TESTIMONI DI GIUSTIZIA… a VILLA CASTELLI, Brindisi (6 marzo 2015)



VILLA CASTELLI, Brindisi (6 marzo 2015)… per non dimenticare Lea GAROFALO, la fimmina ribelle che sfidò la Schifosa ‘ndrangheta













CULTURA DELLA LEGALITÀ… a ORIA (Brindisi), 6 marzo 2015



GRAZIE di CUORE ai Ragazzi, ai Docenti, alla Preside Giancarla Spagnolo, alla vice-preside Stefania Ignazzi del Liceo Scientifico ‘V. Lilla’ di Orio (Brindisi) e all’Associazione Antiracket e Antimafia ‘Paolo Borsellino’ di Oria per la bellissima iniziativa di questa mattina. Tra poche ore a Oria e Villa Castelli.

LA SCU È UNA MONTAGNA DI MERDA!!!



IL CORAGGIO DI DIRE NO…a BRINDISI, 6 e 7 marzo 2015 – La SCU è una Montagna di merda!!!

PUZZLE

BRINDISI e Provincia, 6 e 7 marzo 2015

con Marisa Garofalo, sorella di LEA. La fimmina calabrese che sfidò la SCHIFOSA ‘ndrangheta.
Con Paride Margheriti, minacciato di morte dalla SCHIFOSA SCU (“Nessuna protezione ti salverà insieme a te e per quelle puttane di Brindisi Oggi per quella merda del tuo avvocato e per tuo padre per primo”).
Associazione Antiracket-Antimafia
Brindisi Oggi
Testimoni di Giustizia. Il coraggio contro le mafie
Lea Garofalo. Il Coraggio di dire NO

LE MINACCE: Mafia e usura. “Brindisi Oggi”. Minacce di morte a giornaliste

LA SACRA CORONA UNITA E’ UNA MONTAGNA DI MERDA!!!

lea

manifesto invito

7 marzo

programma

cop mano quarto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: