Paolo De Chiara

Home » TESTIMONI DI GIUSTIZIA » Arresti a Bitonto, parla il testimone di giustizia

Arresti a Bitonto, parla il testimone di giustizia

 
di Gennaro Ciliberto

Francesco Amendolara, 25 anni, il presunto killer, fu lui a darmi il benvenuto a  Bitonto.

Erano passate  da poco le 15:00 quando due poliziotti del Commissario  di Bitonto bussano al portone del palazzo dove mi ero da poche ore trasferito. 

Aprii al grido “Polizia” e trovai la mia auto aperta e con il cofano alzato, i due poliziotti mi dissero che stavano rubando la mia auto, pensai “che benvenuto mi danno”.

Dopo poco un tizio  poco più che ventenne  accompagnato  da una corte giunse in piazzetta Margherita e con fare minaccioso incominciò ad inveire contro i due poliziotti che nel frattempo avevano identificato  una Lancia Lybra in possesso  del Amendolara e priva di assicurazione. 

A questo punto il soggetto  con fare criminale rivolgendosi a me disse: “tu qui la macchina  non la metti più. Hai capito? Altrimenti vedrai cosa ti succede”.

Preso dall’incoscienza dissi a costui cosa mai mi sarebbe potuto accadere visto che l’auto era parcheggiata  presso la proprietà  dello stabile  dove vivevo.

Lui mi rispose in dialetto, io non capii, ma la sua ‘corte’ incominciò  a ridere e fu allora che ci fu lo scontro con questo criminale da strada.

Io gli dissi che ero venuto a Bitonto per lavorare e che nessuno mai mi avrebbe costretto a non posare la mia auto nella proprietà  di cui avevo in gestione.

I giorni a seguire lo stesso soggetto cominciò un’opera di pressioni, quasi come uno squalo che gira intorno alla sua preda. Attendeva il momento  giusto per colpire. 

Poi la storia, purtroppo, la conosciamo tutti. Cosa ha fatto questo criminale e perché lo scrivente è dovuto fuggire da Bitonto. 

Fuggito per restare in vita, perché  forse chi ha ucciso una volta non avrebbe esitato ad uccidere una altra volta. Lo avrebbe fatto per dare un segnale a chi cerca di vivere in maniera legale e divulgando la cultura della legalità  e del bene comune.

Io ho denunciato e ora attendo la giustizia dello Stato.

Se la cittadinanza collaborasse, queste risposte arriverebbero prima e in maniera più efficace.

L’esempio del tdg Gennaro Ciliberto a Bitonto per risvegliare le coscienze dei cittadini.

L’arresto di Francesco Amendolara http://www.dabitonto.com/cronaca/r/omicidio-giampalmo-e-lotta-tra-clan-arrestato-un-25enne-ecco-i-dettagli/6028.htm



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: