Paolo De Chiara

Home » Senza categoria » Il CALVARIO dei Testimoni di Giustizia

Il CALVARIO dei Testimoni di Giustizia

Gennaro C.

Gennaro Ciliberto, testimone di giustizia

LA LETTERA APERTA DEL TESTIMONE 

 

Siamo trattati malissimo dal Servizio Centrale Protezioni del Ministero dell’Interno, ci trattano come un numero di matricola.

 

“Continua l’accanimento del Servizio Centrale di Protezione nei confronti dei Testimoni di Giustizia, ci trattano peggio di criminali.

Ora basta!

Da persone perbene e rispettose delle regole osservate alla lettera ci sentiamo costantemente umiliati e “minacciati” da questi individui che dovrebbero garantirci serenità e sicurezza. Invece ci ricattano ogni volta che chiediamo un nostro diritto con il motto: “VI BUTTIAMO FUORI DAL PROGRAMMA”.

Non c’è alcuna professionalità e umanità nel gestire le nostre vite e i nostri impegni di salute.

Ci trattano come un numero di matricola che ci hanno attribuito.

Comunico che darò vita ad una eclatante protesta per difendere il mio diritto alla libertà, costi quel che costi.

Non temo solo la camorra a questo punto…

Ho dato un altissimo contributo alla magistratura, ho salvato migliaia di vite umane, ho contribuito con le mie denunce a svelare il più grande sistema di corruzione in ambito appalti autostradali, a far mettere in sicurezza centinaia di opere decretate a rischio crollo.

Guadagnavo 60mila euro all’anno, ora mi danno 1600 euro di contributo al mese e me lo fanno anche pesare, perchè spesso mi hanno detto che sono un “rompicoglioni”…

Risultato: ho perso tutto, ma non voglio perdere la libertà di uomo per bene e incensurato.

In 7 anni ho lottato contro il sistema, credevo di riuscire a resistere, di poter iniziare una nuova vita, ma oggi mi rendo conto che nessuno può resistere.

Mi sento morto dentro, umiliato.

Ho cercato sempre un confronto civile e rispettoso, ho sempre atteso i tempi della burocrazia, ad ogni chiamata della giustizia ho risposto. Ho messo in prima linea i miei doveri di cittadino e testimone. Ho cercato di capire le strutture della macchina di protezione, le loro contorte deduzioni. Ho cercato di stare sempre calmo, perchè chi è al potere mi ha sempre detto che “non bisogna farsi la guerra”, ma cercare un punto di incontro. Ma oggi non trovo più una risposta e mi tormento nel mio essere.

Perchè il Servizio Centrale di Protezione deve comportarsi in questo modo? Basterebbe solo applicare la legge e non interpretarla. Ma forse chiedo troppo.

Forse noi testimoni di giustizia dobbiamo scomparire? A che serve una nuova legge? A cosa servono i tanti convegni se poi ci si trova ad essere isolati umanamente. Forse qualcuno vuole farci passare per pazzi, per instabili?

Ma dopo 7 anni chiunque cede, chiunque molla la presa. Ho tanto da perdere, ma la libertà già è andata, insieme alla salute. Ho molti rimpianti, molti dubbi che mi portano ad uno stato di confusione. Questa è l‘impotenza di un uomo di fronte a quella prassi applicativa segreta e che, ogni volta, viene costruita ad hoc, per rendere un inferno un programma di protezione che dovrebbe garantire la serenità di chi è sotto protezione”.


Ciliberto Gennaro
Tdg

TDG SHERE KAN

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: