wordnews.it

«Ho perso tutto, aiutatemi»

IL GRIDO DI DOLORE. «Se non fosse per quei pochi amici, che ogni mese mi aiutano a pagare le utenze e altro, oggi non so come sarei finito.»

«Ho perso tutto, aiutatemi»

Bennardo Raimondi

di Paolo De Chiara, WordNews.it

Una battaglia di civiltà. Così possiamo definire la vicenda di Bennardo Raimondi. Un cittadino onesto, un artigiano che si guadagna la vita con il sudore della sua fronte. Un uomo, che al contrario di molti altri, non si “prostituisce” per accaparrarsi i soldi dello Stato. E’ una persona umile Bennardo, è un lavoratore. Ha denunciato la mafia, senza tentennamenti. Senza farsi pubblicità. Perchè su questi temi la mera ed inutile apparenza non serve a nulla. E dura poco, molto poco. Certe cose, con il tempo, si svelano. E dal piedistallo si cade, rovinosamente. Al contrario di altri personaggi non si è arricchito con la sua denuncia. Ha fatto semplicemente il suo dovere. Ed oggi sta pagando il prezzo più caro. E’ rimasto da solo, con la sua famiglia.   

«La Quaresima è tempo di carità – ci scrive in una mail -, che “vissuta sulle orme di Cristo, nell’attenzione e nella compassione verso ciascuno”, rimane “la più alta espressione della nostra fede e della nostra speranza”. Una carità che “si rallegra nel veder crescere l’altro”, cosi ha detto papa Francesco. Ma io vedo, insieme alla mia famiglia, invece – ogni giorno che passa – solo indifferenza

Abbiamo, nei mesi scorsi, raccontato la sua vicenda. Ci siamo posizionati dalla sua parte offrendo il nostro spazio. Perchè le persone perbene vanno supportate in tutti i modi. «Da anni sto lottando – continua l’artigiano siciliano – per avere un minimo di dignità, dopo aver perso tutto a causa della mafia. Ho avuto il coraggio di denunciare ma forse ho sbagliato. Oggi piu che mai, tra Covid e la mia salute (dopo la rottura di una costola), la mia situazione è diventata drammatica. Non posso farla finita perchè ho delle responsabilità verso la mia famiglia. Ma non è giusto che specialmente le Istituzioni siano assenti. Se non fosse per quei pochi amici, che ogni mese mi aiutano a pagare le utenze e altro, oggi non so come sarei finito.»

E’ vergognoso. Questa è l’unica parola che conosciamo per descrivere questa drammatica e assurda situazione. 

Dov’è lo Stato?

Dove sono le Istituzioni?

Dov’è la Regione Sicilia?

Dov’è il Comune di Palermo?

Dove sono tutti coloro che si riempiono la bocca della parola legalità, che piangono lacrime di coccodrillo sui social e durante i tanti convegni? 

Dove sono i leoni da tastiera che, inutilmente, continuano a pubblicare le frasi, le foto di Falcone e Borsellino (che chiamano, senza vergogna, Giovanni e Paolo)?

Questa è la lotta alla mafia? Questo è il modo di aiutare persone che le mafie le denunciano nelle sedi opportune?

Cancellatevi da questi social. Questa inutile apparenza non serve proprio a nulla. Il rincoglionimento da like sta producendo mostri insensibili.   

«Non è giusto che viva cosi la mia famiglia. Vedere mia moglie piangere spesso mi addolora e mi sta distruggendo la vita. Vi esorto. Ho dato tanto e desidero ricevere il minimo umilmente. Vi prego.»

Nel Paese del giorno dopo si attende, si è cauti. Si rimane impassibili. C’è sempre tempo per mettere il viso di qualcuno su qualche bandiera da sventolare in qualche occasione. Le iniziative sulla legalità si sprecano. Tutti vogliono fare il proprio intervento, tutti vogliono apparire. Ma fino a un certo punto. Basta poco per aiutare i tanti cittadini che ci hanno messo la faccia. E non solo.      

foto archivio pdc

WORDNEWS.IT © Riproduzione vietata

Leggi anche:

– «Il nostro Natale non sarà diverso»

– «L’indifferenza è il virus più pericoloso»

– Il grido disperato: «Non serve a nulla denunciare la mafia. Sono stanco di vivere»

– Raimondi: «Ho denunciato, ma ho perso tutto. Non vivo più»

– Il dramma di Bennardo in una lettera aperta

– Il testimone di giustizia: «Aiutatemi»

– Dopo la denuncia solo la solitudine

– «Abbiamo fatto il nostro dovere. Ora viviamo di elemosina»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...