Tag: il veleno del molise

Libri #pdc

#ilcoraggiodidireno #ilvelenodelmolise #testimonidigiustizia 

#iohodenunciato
#romanziitaliani
#workinprogress

Il Veleno del Molise #campomarino

Grazie di cuore.
Una bellissima iniziativa sui problemi del #molise.
#insiemesipuò

Giornalismo #lezione #ihd

GRAZIE DI CUORE ai ragazzi, alla dirigente e ai docenti del Liceo Scientifico di Isernia per il bellissimo confronto.
Isernia, 14 ottobre 2019
#lezionedigiornalismo #confronto #studenti #odg

MAFIE IN MOLISE #tuttimuti

#tuttimuti
“Nel circondario di Isernia sono domiciliati alcuni soggetti contigui al clan dei CASALESI ed ai MALLARDO. Il 23 febbraio 2017, uno dei figli del capo del clan SCHIAVONE, dopo un periodo di detenzione è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari a Macchia d’Isernia (IS), presso l’abitazione della convivente”.
#dia #relazioni
DIA, Ministero dell’Interno, relazione semestrale, volume secondo, dicembre 2018

MAFIE IN MOLISE: OMBRE MAFIOSE? SEGNALI REALI

Ma si continua a girare la testa dall’altra parte…

“Quelli che fino alla scorsa Relazione semestrale venivano indicati come segnali – per quanto qualificati – di una presenza delle cosche in Abruzzo e in Molise, grazie alle evidenze investigative raccolte nel semestre con l’operazione “Isola Felice” sono diventati importanti tessere del mosaico espansionistico della ‘ndrangheta verso regioni solo all’apparenza meno “appetibili”. L’operazione in parola, infatti, come detto nel paragrafo dedicato alla provincia di Crotone, è stata conclusa, nel
mese di settembre, dall’Arma dei Carabinieri con l’esecuzione di una misura cautelare261 a carico di 25 soggetti, facendo piena luce sull’operatività del gruppo FERRAZZO di Mesoraca (KR) in Abruzzo e in Molise. Il capo ‘ndrina non solo aveva scelto di stabilire ufficialmente la propria residenza in San Giacomo degli Schiavoni (CB), ma si era di fatto reso promotore di una associazione criminale composta sia da calabresi che da siciliani (famiglia MARCHESE di Messina) che operava tra San Salvo (CH), Campomarino (CB) e Termoli (CB). Nel corso dell’indagine sono state documentate le cerimonie di affiliazione, che prevedevano giuramenti su “santini” ed altre immagini sacre, insieme a rituali di chiara matrice pagana. Le indagini hanno ben delineato come la cosca FERRAZZO volesse ricompattarsi in Abruzzo, arrivando, appunto, in
un’“isola felice” per rinsaldare le proprie attività criminali. In conclusione, l’analisi degli avvenimenti porta ragionevolmente a far ritenere che l’ascesa del clan FERRAZZO in Abruzzo e Molise sia stata in qualche modo favorita dalla “caduta” del clan campano COZZOLINO, precedentemente egemone nello stesso territorio e fortemente ridimensionato a seguito dell’operazione “Adriatico” della Procura Distrettuale aquilana.”
DIA, Ministero dell’Interno, relazione semestrale, volume secondo, dicembre 2016

#ilvelenodelmolise

Il Veleno del Molise a #TeleMolise

AMBIENTE & INQUINAMENTO
TeleMolise, 18 gennaio 2019

«Queste schifezze accadono da troppo tempo ormai! Il popolo non è più una puttana…» #Rimbaud


MOBY DICK, TeleMolise, ore 21:00
Tutela ambiente e salute, contrasto eco-mafie e sviluppo. Sono i temi legati all’ambiente in discussione nella puntata di questa sera.


OSPITI IN STUDIO:
Daniele Colucci, magistrato; Paolo De Chiara, giornalista – scrittore; Alfonso Mainelli, Area Matese; Giuseppina Negro, delegata WWF per il Molise; Pasquale Lollino, centro azione Giuridica di Legambiente e Riccardo Vaccaro, comitato discoli del Sinarca contro il Gasdotto Larino – Chieti.


Interventi esterni: Antonio Tedeschi, consigliere regionale dei popolari per l’Italia; Carlo Fucci, procuratore capo di Isernia; Stefano Ciafani, presidente Nazionale di Legambiente e Nicola Cavaliere, assessore regionale all’Ambiente.

«Esprimere la realtà con la realtà»

pdc.jpg

«Esprimere la realtà con la realtà», #Pasolini (1970)

 

«Dimenticare subito i grandi successi: e continuare imperterriti, ostinati, eternamente contrari, a pretendere, a volere, a identificarvi col diverso; a scandalizzare; a bestemmiare.» #Pasolini

Lettera al Congresso del Partito Radicale,

2 novembre 1975

 

7ilvelenotdg scaffalecop mano quarto

Siamo alla frutta!!! #ilvelenodelmolise a Roma

manifesto roma

ROMA, 4 novembre 2018
#veleni #sapere #conoscenza #roma #italia

ilveleno

1234

IL VELENO del MOLISE a PETRELLA (Cb)

ilveleno

IL VELENO DEL MOLISE con gli #studenti di PETRELLA TIFERNINA (Cb), 12 marzo 2018.

#ilvelenodelmolise #ragazzi #scuole #molise #omertà #veleni 

 

stamparegionale

Legalità, diritti e omertà. Paolo De Chiara incontra gli studenti di Petrella Tifernina

Una mattinata intensa, non è facile tenere seduti per circa tre ore alunni di scuole elementari e medie. Eppure Paolo De Chiara ci è riuscito. Presso la sala museale di Petrella Tifernina si è tenuto un incontro, all’interno di un progetto scolastico sulla “Legalità”, fortemente voluto dalle insegnanti e tanta curiosità degli stessi alunni. Non è scontato riuscire a mantenere alta l’attenzione su temi importanti come legalità, illegalità, ambiente, inquinamento etc. temi che , a quanto pare, “annoiano” buona parte degli adulti, compresi responsabili istituzionali, ma i ragazzi sono arrivati all’incontro preparati con domande specifiche da fare.

…. CONTINUA


L’informazione nuda e cruda di De Chiara non si arresta: oggi spazio agli studenti di Petrella Tifernina

Il Libro di Paolo De Chiara
di Ludovica Colangelo
Continua il viaggio di Paolo De Chiara all’interno delle scuole e nella mattinata di oggi, lunedì 12 marzo, è stato il turno dell’Istituto di Petrella Tifernina dove il giornalista ha presentato il libro ‘Il Veleno Del Molise’. “Abbiamo affrontato – racconta l’autore –  tematiche come l’inquinamento, le discariche, la criminalità e la politica che chiude non solo gli occhi ma anche qualsiasi tipo di comunicazione con i cittadini per bene andando, così, ad avvantaggiare determinati personaggi che, in questi anni, hanno fatto e continuano a fare sia il bello che il cattivo tempo”.
Argomenti, quindi, presenti nel libro e che, secondo il giornalista, non possono essere omessi ai più giovani, “con i ragazzi è fondamentale parlare di questo perchè loro devono essere consapevoli di cosa è successo e continua a succedere in Molise che qualcuno, pur non essendo così, definisce ancora un’isola felice.
 un’isola felice. I ragazzi – spiega De Chiara – al contrario degli adulti sono sempre interessati e curiosi. Hanno fatto diverse domande e voluto affrontare tematiche che li riguardano da vicino come la discarica di Montagano, le pale eoliche e tutto ciò che, negli ultimi anni, si è registrato in questa dormiente regione”. 

IL VELENO DEL MOLISE con gli #studenti 

manifesto studenti Isernia, 17 febbraio 2018

 

IL VELENO DEL MOLISE con gli #studenti di #Isernia.
17 febbraio 2018
#ilvelenodelmolise #molise #veleni #conoscenza #sapere #cambiamento

 

ilvelenopremio

IL VELENO DEL MOLISE a LARINO

00

IL VELENO DEL MOLISE a LARINO, 9 febbraio 2018 

#ilvelenodelmolise (foto Travaglini Massimiliano).

Inquinamento e traffici, scatta l’allarme.

IMG_4004

Dopo anni di silenzio è ritornato alla ribalta il ‘terreno a riposo’

 

VENAFRO. “Situazione di allarme sociale creatasi nella collettività di Venafro e nei comuni limitrofi, che potrebbe anche degenerare in turbative dell’ordine pubblico”. La dichiarazione è del Prefetto di Isernia, Fernando Guida, rilasciata qualche giorno fa e riferita alla situazione ambientale del territorio venafrano. Dove la diossina è stata trovata nel latte materno e nella carne macellata. In quel territorio si sono raggruppate delle mamme in Associazione, per tenere alta l’attenzione. Hanno denunciato, continuano a farlo. Ma pure le Mamme si continuano a scontrare contro un muro di gomma.

Nemmeno loro trovano risposte, nessuno risponde. Di tanto in tanto si accende una fiammella e poi tutto torna nell’oscurità. In un assordante silenzio. Nell’attesa della nuova fiammella. “Come mai è uscita fuori questa cosa quando, praticamente, io sono stato obbligato a mettere tutto a posto, nonostante non fosse dipeso da me. Il problema è risolto, mi è costato un sacco di soldi. C’è stata la conferenza di servizi. Hanno chiuso tutto, tutto sta a posto. Perché lei vuole rimettere tutto in discussione? Sono stato preso per fesso, ci soffro di questo, che non mi sia accorto che queste persone mi hanno turlupinato”.

Si sente imbrogliato Ernesto Nola, il proprietario del famigerato ‘terreno a riposo’. L’appezzamento agricolo, che si trova in località masseria Lucenteforte, nella Bonifica di Venafro. Un terreno che non trova pace, di tanto in tanto, sbuca fuori come un fungo, velenoso. Le dichiarazioni di Nola risalgono alla fine del 2013. Quattro anni fa. Poi di nuovo il silenzio, il lungo silenzio. Cosa è stato fatto in questi anni? Niente. Perché nessuno ha creato un dibattito intorno alle dichiarazioni del cugino di Nola, Vittorio Nola, già presidente del Consorzio di Bonifica, “I controlli in questa Regione non funzionano. È un fatto acclarato”. Ma, in tutti questi anni, nessuno ha chiesto nulla a Vittorio Nola. Silenzio, tutti muti. Ultimamente però il fungo è tornato in superficie. Ed è ripartita nuovamente la giostra. Analisi, nuove dichiarazioni, nuovi incontri.

Nel 2003, dieci anni prima delle dichiarazioni di Nola, a Sesto Campano viene tratto in arresto un certo Antonio Caturano, per trasporto di rifiuti tossici spacciati per fertilizzanti, destinati alla concimazione dei terreni agricoli. “È stato messo tutto a posto – diceva Nola nel 2013 – erano delle buche scavate, poi sono state riempite sotto la direzione dell’Arpa. Un problema risolto da tempo”.

Ma il problema non è stato mai risolto. “Tutta una cosa che è stata risolta e che è stata messa a posto”. Nulla è stato messo a posto! Nemmeno la bonifica è stata fatta. Nell’agosto del 2007 il geologo di Isernia, Vito La Banca (incaricato dalla ditta Rasmiper nel 2001, consulente di Nola nel 2005), comunica la fine dei lavori e il ripristino ambientale. Nel 2013 dichiara: “I lavori di bonifica sono stati fatti in due puntate, più che una bonifica una pulitura. Solo superficiale. Il materiale presente sul terreno. Poi è calato il silenzio su questa storia”.


IL VELENO DEL MOLISE solo frase

 “La terra nera e fumante”

“È una storia uscita fuori dopo tanto tempo. Ne ho sempre parlato, nessuno mi ha creduto”, questa è la voce di un testimone, “mio padre all’epoca fece anche delle fotografie, ero piccolo. Ricordo i camion che andavano a scaricare, passavano sulla strada. Portavano una terra nera e fumante, ancora bollente. Scaricavano in continuazione, mi ricordo tutto. Stiamo parlando di un terreno avvelenato, speravo che questa storia uscisse fuori. Doveva uscire prima, molto prima”. Ma cosa è successo su questo “terreno a riposo”? Nel 1995 compare un certo Antonio Moscardino. Il 2 febbraio Nola, il proprietario e Moscardino, con la sua ditta Rasmiper, siglano un accordo. Nola autorizza l’impresa di Moscardino ad eseguire il recupero ambientale del fondo e Moscardino si impegna a eseguire i lavori secondo la vigente normativa. Ma chi è Antonio Moscardino? Il suo nome compare nell’Operazione Mosca, l’inchiesta della Procura di Larino sullo smaltimento illecito di 120 tonnellate di rifiuti speciali. Secondo i magistrati è il trait d’union, l’intermediario tra le aziende del Nord e i personaggi corrotti del posto. A Vinchiaturo nel 2002 “creava le condizioni di concreto pericolo di inquinamento delle acque e del suolo, pericolo poi concretamente attualizzato a seguito di un incendio del materiale”. C’è un operaio della Fonderghisa, un’azienda posseduta da un componente della famiglia Ragosta, che parla di Moscardino come di una persona poco affidabile e lo collega proprio al “terreno” a riposo. Cosa è stato nascosto sotto quel terreno? Molti testimoni parlano di rifiuti, degli scarti industriali della Fonderghisa. Questa azienda, insieme alla Rer, venne acquistata da personaggi legati alla camorra napoletana. In un’operazione, denominata “Campania Felix” (pubblicheremo il rapporto nei prossimi giorni), i carabinieri accendono, finalmente, i riflettori sugli affari sporchi realizzati nel Nucleo Industriale di Venafro. Nella Fonderghisa, ad esempio, sono stati sciolti i carri armati, proveniente dalla ex Jugloslavia, pieni di uranio impoverito.

Pecore sul 'terreno a riposo'

Pecore sul ‘terreno a riposo’

Ipotetico traffico di rifiuti

“In merito all’ipotetico traffico di rifiuti da Pozzili a Sesto Campano – ha spiegato durante una conferenza stampa il prefetto Guida – sono stati fatti dei primi accertamenti da parte dell’Arpa Molise. Siccome le forze di polizia non erano del tutto convinte degli esiti, è stato effettuato un incidente probatorio in base al quale gli ulteriori accertamenti sono stati già da tempo affidati a un laboratorio esterno. E tra non molto si conosceranno i primi esiti di queste analisi. C’è il sospetto che ci sia stato un impiego delle polveri che provenivano dall’inceneritore di Pozzilli per la fabbricazione di cemento”. Ma cosa significa che “le forze di polizia non erano del tutto convinte degli esiti”? Non si fidano dell’Arpa Molise? In questo caso a cosa servirebbe questo Ente di controllo? A queste domande risponderemo nei prossimi giorni. Per ora focalizziamo la nostra attenzione sugli “ipotetici traffici di rifiuti”. E nel Paese senza memoria è importante leggere le carte. “Vero e proprio cimitero dei veleni, creato in oltre trent’anni di sversamenti abusivi”, un cimitero che si estende “in un quadrilatero compreso tra la statale Bifernina, la Trignina, le province di Isernia e Campobasso. Il nome di questa ditta (Caturano, ndr) è stato fatto dal pentito Raffaele Piccolo, braccio destro e cassiere del gruppo Schiavone fino al 2009, a proposito di un elenco d’imprese prestanome o socie in affari del clan. Anche Emilio Caterino, collaboratore di giustizia del clan Bidognetti, cita la ditta Caturano”, interrogazione parlamentare del novembre 2010. “Nel comprensorio di Sesto Campano e nelle vicinanze del cementificio tempo fa è stato fermato ed arrestato, con un carico di sostanze tossiche e radioattive, tale Antonio Caturano di Maddaloni (Caserta)”, interrogazione del 2004. E conclude il prefetto di Isernia: “a seguito dei controlli fatti nel 2016 e nel 2017 sono stati individuati anche dei camion che trasportavano rifiuti e che appartenevano a ditte collegate alla criminalità organizzata. Quindi si ravvisa l’ipotesi, piuttosto preoccupante, di vero e proprio traffico illecito di rifiuti che potrebbe far capo alla criminalità organizzata”.

 

CULTURA & LEGALITA’, II appuntamento 

foto manifesto II incontro, Cb

CULTURA & LEGALITA’ 

#insiemesipuò 

Le mafie in Italia e in Molise… nessuno è escluso!!!
Campobasso, 15 dicembre 2017

#studenti #campobasso #mafie #italia #molise #icare #ilcoraggiodidireno #ilvelenodelmolise 

Molise: Veleni e Corruzione, una lezione con i ragazzi

21

GRAZIE DI CUORE A TUTTI!
#insiemesipuò
1° appuntamento: Campobasso, Ist. Comp. “D’Ovidio” 
L’ITALIA DEI VELENI, SENZA DIMENTICARE IL MOLISE. 
#workinprogress #2appuntamento #dicembre #scuole #cultura&legalità #campobasso 
– fotografie Rossella De Rosa

 

È il primo di una serie di incontri quello che ieri si è svolto nell’auditorium dell’Istituto F. D’Ovidio di Campobasso, dove gli alunni delle classi terze della scuola secondaria hanno incontrato le mamme dell’Associazione Mamme per la salute e l’ambiente di Venafro, le mamme dell’Associazione Angeli Guerrieri della Terra dei Fuochi, don Aniello Manganiello e il giornalista e scrittore molisano Paolo De Chiara.

Cultura e legalità sono stati i temi affrontati durante l’incontro, organizzato dal comune di Campobasso e aperto con i saluti dell’assessore alla culturaEmma de Capoa, la quale ha spiegato che la scuola ha un ruolo sempre più importante nella diffusione dei valori della legalità e dei diritti civili. L’intento dell’amministrazione comunale di Campobasso – ha continuato – è quello di diffondere la cultura della legalità ed eventi come questo servono per potenziare dei percorsi culturali che aiutano i ragazzi a crescere liberi”.

Come rappresentante delle forze dell’ordine è intervenuta il capitano dei Carabinieri e Forestale Margherita Cretella che ha invitato gli alunni a prendere a cuore ciò è stato trasmesso durante l’incontro e di diventare sentinelle e tutori dell’ambiente.

Infatti proprio di ambiente si è parlato, di un territorio sempre di più contaminato e inquinato, quello della cosiddetta ‘terra dei fuochi’, ma anche quello della nostra regione che non esente da contaminazioni. A parlare della situazione della Campania sono intervenute le mamme dell’associazione ‘Angeli Guerrieri della Terra dei Fuochi’ nata il 6 aprile 2011 e che hanno spiegato la sofferenza della malattia, che colpisce sempre più bambini i quali non riescono a realizzare i loro sogni perché la loro vita viene spezzata. Sono mamme che hanno perso i loro figli, che non si sono date per vinte e insieme hanno deciso di combattere, denunciare quello che di marcio c’è nel sistema. “Ci siamo inventate qualsiasi cosa, abbiamo aiutato famiglie con bambini malati e ora stiamo mettendo dei punti fermi, ma dobbiamo fare qualcosa tutti insieme” e rivolgendosi ai ragazzi hanno detto “voi siete il futuro, voi potete cambiare le cose. È necessario capire dove sia il problema e partire da lì, anche se un piccolo gesto è una sola goccia nel mare, farà comunque tanto rumore”.

Della situazione molisana ha parlato Mariantonietta Di Nardo delle Mamme per la salute e l’ambiente di Venafro, che si sono battute affinchè venisse fuori quella verità celata per troppo tempo, che non doveva essere raccontata in un piccolo territorio visto come una terra sana, ma che risulta contaminata così come hanno evidenziato gli esami che loro stesse hanno portato avanti, studi taciuti dalle istituzioni e dagli enti preposti. L’invito rivolto agli studenti è stato quello di porre attenzione al proprio territorio e di imparare ad usare i social network per comunicare, segnalare, fotografare tutto ciò risulta anomalo, perché “i bambini non devono morire per queste cose” per cibi tossici e per l’aria inquinata della loro terra.

Situazione riportata anche dal giornalista e scrittore Paolo De Chiara nel libro ‘Il Veleno del Molise. Trent’anni di omertà sui rifiuti tossici’, raccolta in testimonianze e fatti legati alla nostra regione, “quello che troppo spesso manca è l’informazione e l’analisi approfondita dei problemi e per cominciare un percorso di legalità dobbiamo capire che nella nostra società, nella politica, nelle forze dell’ordine, nella chiesa, nel campo dell’informazione ci sono persone corrotte e vanno denunciate, solo così – ha continuato – si può iniziare un percorso di legalità”. Un intervento che ha visto fare nomi, riferimenti a vicende ancora presenti e il monito lanciato in chiusura ai ragazzi è chiaro. De Chiara ha citato don Lorenzo Milani ed ha invitato i ragazzi a imparare, a informarsi, a conoscere, perché “ogni parola che non imparate oggi è un calcio nel culo che prenderete domani”.

La conclusione è stata affidata a don Aniello Manganiello, fondatore dell’associazione ‘Ultimi’, che ha spiegato come intorno agli anni ’80 “mentre eravamo ubriachi del benessere loro hanno fatto quello che hanno voluto”: sono stati sotterrati rifiuti, l’illegalità ha preso piede e sempre più persone hanno ceduto alla corruzione ed oggi ne paghiamo le conseguenze.

“Quello che tutto questo mi ha insegnato – ha continuato il prete di Scampia – sono due valori fondamentali, come la sobrietà e l’essenzialità. Possiamo vivere con poco e noi abbiamo molto più di quanto ci serve”. Anche don Aniello ha rivolto ai ragazzi un proprio pensiero motivandoli ad avere la capacità di guardare attentamente i pericoli che si corrono. “Interessatevi alla vita – ha detto – solo così potrete prendere coscienza dei problemi e chiedervi cosa potrete fare voi come cittadini”.

Un primo incontro che si è chiuso positivamente, che ha visto ragazzi attenti e partecipi. Domande taglienti sono state poste sull’attuale scenario italiano e molisano che hanno reso onore alle parole cardine del percorso formativo iniziato oggi: cultura e legalità. Perché come è stato ricordato più volte in ballo, dietro a due semplici parole, c’è il futuro e la costruzione di una società migliore. 

MI

FONTE: moliseweb.it

CULTURA & LEGALITA’

1° appuntamento con gli STUDENTI dell’Ist. “D’OVIDIO” Campobasso, 8 novembre 2017
#insiemesipuò

I appuntamento, novembre 2017, MANIFESTO

8 novembre 2017
L’ITALIA E I VELENI, SENZA DIMENTICARE IL MOLISE

INTERVENTI
Saluti Istituzionali

OSPITI:
Le MAMME dell’Associazione ‘Angeli e Guerrieri’ della Terra dei Fuochi 

Le MAMME per la Salute e l’Ambiente di Venafro

don Aniello MANGANIELLO, fondatore Ass. per la Legalità “ULTIMI”

Paolo DE CHIARA, giornalista (autore del libro Il Veleno del Molise)

Rappresentanti delle Istituzioni e delle Forze dell’ordine.

Modera: Lucrezia CICCHESE, giornalista

11

Ambiente & Legalità, 20 ottobre 2017

Rifiuti

WEBCAST della LEGALITA’
Isernia, 20 ottobre 2017 – Liceo Scientifico
– Ambiente e Territorio –
#ragazzi #giovani #studenti
Il veleno del Molise
 

Contraffazione

da Ultimavoce.it – Intervista A Paolo De Chiara – Il Coraggio Di Scrivere La Verità

paolo-copertina-ok-ok

Paolo de Chiara: “Una sana informazione, quella che racconta i fatti, è fondamentale per un Paese civile. È il sale della democrazia.”

 

Paolo de Chiara è uno scrittore che non si tira certo indietro quando si tratta di dire la verità. Infatti, le sue opere: Il Coraggio di dire NoIl veleno del Molise e Testimoni di Giustizia, affrontano tre temi complessi di cui l’autore parla con estrema chiarezza. Paolo de Chiara è giornalista e collaboratore con diversi giornali on-line, tra cui Resto al Sud, Caporedattore presso La Voce Nuova del Molise, ideatore e conduttore della trasmissione di approfondimento Diritto di Cronaca, vincitore del Premio Giornalistico Nazionale ‘Ilaria RAMBALDI 2014’.

In tutti i libri di Paolo de Chiara si percepisce il grande desiderio di raccontare, come un obiettivo primario. Da dove nasce questa vocazione?

Solo passione per questo bellissimo mestieraccio. Informare semplicemente i lettori, i cittadini, senza alcun filtro, senza padroni e con la schiena dritta. Il sapere è il primo passo per cambiare e, quindi, solo attraverso la conoscenza è possibile prendere coscienza ed affrontare le tante problematiche che coinvolgono la nostra esistenza quotidiana. Una sana informazione, quella che racconta i fatti, è fondamentale per un Paese civile. È il sale della democrazia. Ecco perché il potere tende a mettere le mani sul sistema dell’informazione. Ecco perché la funzione del giornalista, come quella dello scrittore, è necessaria. Per controllare e non essere controllati dal potere. Per fare i “cani da guardia” e non gli scendiletto di qualcuno. Nella mia Regione, in Molise, il primo problema – tra i tanti – da risolvere è proprio quello dell’informazione. Una piccola Regione dove è quasi tutto controllato dal potente, o meglio dai potenti, di turno. L’informazione è debole, i cittadini non sono adeguatamente informati e il “signorotto di turno” può fare, e fa, ciò che vuole. Abbiamo un consigliere regionale, eletto da diverse legislature, per due anni e mezzo – addirittura – presidente del consiglio regionale, che negli anni ’80 faceva tutt’altro mestiere: era impiegato nella polizia penitenziaria. È stato arrestato e condannato, in via definitiva, per aver portato in carcere, dove era detenuto Raffaele Cutolo (il capo indiscusso della NCO), delle armi. Ha beneficiato della riabilitazione – una stortura per la democrazia – e, il galeotto, ha fatto carriera. In politica, gestendo il futuro dei molisani. Non c’è un dibattito nella mia Regione, questo perché la maggior parte degli organi di informazione non fanno il proprio dovere. E questo è solo un piccolo esempio.

Lea Garofolo, il Coraggio di dire NO,  è la storia drammatica di una giovane donna calabrese che ha avuto il coraggio di sfidare l‘ndrangheta, e che ora è diventato anche un film. Nata in una famiglia mafiosa, ha visto morire la sua famiglia ed i suoi amici, sterminati da uomini senza cuore. Parlare e raccontare queste verità, secondo te, possono aiutare a cambiare il futuro e combattere questa prepotenza criminale?

Lo diceva Paolo Borsellino, il magistrato ucciso (insieme agli uomini della sua scorta) dalla mafia e da pezzi dello Stato: “parlatene sempre”, in ogni luogo. Il nostro dovere – e riguarda tutti – è informare, raccontare e, possibilmente, delegittimare questi schifosi criminali attraverso la parola. Ma anche utilizzando la cultura. Perché il problema è anche culturale. “Per combattere la mafia – scriveva Rita Atria, la picciridda di Paolo Borsellino – bisogna prima farsi un auto esame di coscienza e poi sconfiggere la mafia che è dentro di noi”. Il futuro lo si cambia tutti insieme, rispettando semplicemente le regole. Gli eroi non esistono, non servono. Sventurato è quel Paese che ha bisogno di eroi. Servono persone perbene, con le mani pulite. Continuiamo a commemorare, giustamente, ma ci dimentichiamo delle persone vive che vengono abbandonate al proprio destino. Le persone che oggi ricordiamo sono morte, ammazzate, perché noi ci siamo distratti. È successo ieri, con Falcone, Borsellino, Dalla Chiesa, Chinnici, Puglisi, Pasolini, De Mauro, Rostagno e tantissimi altri, e continua a succedere oggi. Cosa è cambiato? Le persone che lottano sul fronte restano isolate. E ancora non riusciamo ad aprire la cassaforte dei misteri sui fatti sconvolgenti di ieri.

Il libro Testimoni di Giustizia di Paolo de Chiara, scritto con grande trasparenza, è composto da diversi episodi di persone che in qualche modo sono state testimoni e/o vittime di crimini mafiosi, e che sono ben diversi dei collaboratori di giustizia. Puoi spiegarci la differenza tra collaboratori e testimoni di giustizia?

Sono due figure completamente diverse. Qualcuno ancora tende a confonderle – la convenienza è evidente -, ma è necessario differenziare. I collaboratori di giustizia, i cosiddetti “pentiti”, sono personaggi che facevano parte di un’organizzazione criminale e, per motivi opportunistici, decidono di “saltare il fosso”, di passare dalla parte dello Stato. Loro sono necessari per permettere agli inquirenti di entrare all’interno di queste schifose mafie per disarticolarle. Ci sono stati degli esempi destabilizzanti, come il sedicente “pentito” Scarantino, imbeccato dalle “menti raffinatissime” per raccontare una storia completamente sballata, inventata a tavolino, sulla strage di via d’Amelio. Un depistaggio di Stato, uno dei tanti. E per tanti anni siamo stati presi per il culo da un sistema che da sempre governa le nostre vite. I testimoni di giustizia, invece, sono tutta un’altra cosa. Sono cittadini onesti che hanno fatto il loro dovere. Hanno visto, hanno sentito, hanno toccato con mano, hanno subito l’arroganza criminale delle mafie e hanno denunciato i loro aguzzini. Si sono opposti al metodo mafioso, fatto di estorsioni, minacce, violenza e sangue. Loro non provengono dalle organizzazioni criminali, loro hanno subito. Loro sono necessari per credere nella legalità, quella vera, che è diversa da quella utilizzata per fare carriera. Hanno fatto condannare tanti mafiosi. Però lo Stato (quello con la ‘s’ minuscola, rappresentato da personaggi indegni), con alcuni di loro non si è comportato in maniera degna. Molti lamentano, ancora oggi, l’abbandono, l’insensibilità, la freddezza, il menefreghismo di funzionari inutili e dannosi. Proprio la settimana scorsa sono stati arrestati degli appartenenti alle forze di polizia, accusati di aver sottratto ingenti somme di denaro destinati ai collaboratori e ai testimoni. E non è l’unico ammanco. Esiste una legge, la n. 45 del 2001, che disciplina queste due figure. Per i testimoni c’è solo il titolo e qualche articolo. La relazione di Angela Napoli del 2008 parla chiaro. In questo Paese i testimoni sono trattati come un peso e non come una risorsa. Oggi esiste qualche provvedimento per migliorare la loro condizione, ma è tutto bloccato. Non esiste la volontà politica. Molti testimoni sono stati abbandonati dallo Stato e uccisi dalle mafie. Non c’è riconoscenza verso chi cerca di fare il proprio dovere, nel Paese impregnato dalle schifose mafie.        

Raccontaci quali difficoltà hai dovuto affrontare per scrivere questo libro e qual è stato l’episodio che più ti ha coinvolto?

È necessario cambiare inquadratura. Le difficoltà non sono di chi racconta, ma di chi subisce. Ho iniziato ad approfondire le storie dei testimoni di giustizia dopo aver conosciuto la drammatica esistenza di Lea Garofalo, la fimmina calabrese che ha sentito il puzzo della ‘ndrangheta (l’organizzazione criminale più potente nel mondo) sin dalla culla: padre mafioso, fratello mafioso, «famiglia» mafiosa. Ha visto scorrere il sangue, è cresciuta in una cultura mafiosa, ma si è ribellata. Come Peppino Impastato, come Rita Atria, come tanti altri. Da sola e con una figlia piccola, più coraggiosa della madre, ha sconfitto un intero clan, ha salvato sua figlia Denise e ha fatto capire a tutti noi che è possibile contrastare questi ominicchi del disonore. E Lea è una testimone di giustizia, anche se molti continuano a definirla “pentita”.

Ti occupi di diversi eventi letterari e manifestazioni, soprattutto nelle scuole superiori. Com’è il riscontro dei ragazzi a queste storie e cosa si può fare per raccontare loro il pericolo delle mafie?

La cosa più bella è confrontarsi con i ragazzi, anche delle superiori. Loro hanno la voglia di apprendere, hanno la forza di combattere. Sono pronti ad affrontare e risolvere i problemi che abbiamo lasciato e che non abbiamo mai risolto. I loro occhi parlano, sono vivi, come le loro menti. I ragazzi sono diversi dagli adulti, bisogna puntare sulle “giovani generazioni” per distruggere e annientare questa maledetta mentalità mafiosa. Ma non dobbiamo lasciarli soli, ognuno deve fare la sua parte. Fino in fondo, costi quel che costi. Come diceva qualcuno.   

Quali sono le regole fondamentali per essere un bravo giornalista e un buon scrittore?

Per esprimersi non esistono regole. Ognuno ha le sue, l’importante è non prendersi gioco della verità dei fatti. Non bisogna stravolgere la realtà, questa potrebbe essere una buona regola.

Ogni scrittore ha un sogno nel cassetto, il tuo qual è?

Allora la domanda non è rivolta a me (ride). Io sono solo un giornalista di provincia.

 

http://www.ultimavoce.it/paolo-de-chiara-testimoni-di-giustizia/

cropped-monforte-mondadori.jpg

IL VELENO DEL MOLISE… a Cuneo, 9 novembre 2016

manif-resistenze-di-oggi-9-nov-2016

IL VELENO DEL MOLISE… a Cuneo

9 novembre 2016

ECOMAFIE e CITTADINANZA ATTIVA con gli STUDENTI di Casoli (Chieti), 6 maggio 2016

2

IL VELENO DEL MOLISE A CASOLI (Chieti), 6 maggio 2016.

GRAZIE DI CUORE, siete ragazzi eccezionali. 

1

3

11

 

“La gente del Molise merita di meglio”

11
“Mi chiamo N. C. sono di Guglionesi e da anni sono emigrato a Milano per lavoro non più con la valigia di cartone ma con una Laurea.
Ho appena finito di leggere “Il Veleno Del Molise”, lettura illuminante, la ringrazio, in fondo nella Regione che non c’è, non c’è lavoro, non ci sono investimenti, non ci sono piani di sviluppo, non c’è futuro c’è il marcio.
Io credo che la gente del Molise merita di meglio dei politici ignoranti, figli di politici ignoranti che dicevano alla gente “non ti preoccupà, ci pensiamo noi” ed hanno veleggiato sul vento dell’ignoranza della povera gente, che si doveva spaccare la schiena per vivere una volta e adesso è troppo legata a quel posticino statale o a quel poco di benessere che si è creato per ribellarsi. 
Le chiedo come mai se si spara ad un persona è omicidio e se si fanno ammalare e morire centinaia di persone è solo la vita?
Comunque Grazie”. 

IL VELENO DEL MOLISE… a MONTENERO (Cb)

IL VELENO DEL MOLISE…

a MONTENERO di BISACCIA (Cb)

27 febbraio 2016

1

CULTURA DELLA LEGALITA’… nelle SCUOLE.

SCUOLA

CULTURA DELLA LEGALITA’… nelle SCUOLE.
‪#‎Appuntamenti‬:
—29 gennaio 2016:
– Mattina: PONTINIA (Latina), Ist. Compr. “Manfredini”;
– Pomeriggio: PRIVERNO (Latina), Ist. Sup. “T. Rossi”;
—1 febbraio 2016:
– TEANO (Caserta).
‪#‎insiemesipuò‬ ‪#‎legalità‬ ‪#‎scuole‬ ‪#‎ragazzi‬ ‪#‎giovani‬ ‪#‎futuro‬ ‪#‎priverno‬‪#‎ilcoraggiodidireno‬ ‪#‎lea‬ ‪#‎leagarofalo‬ ‪#‎ilvelenodelmolise‬ ‪#‎testimonidigiustizia‬‪#‎mafiemontagnadimerda‬

GRAZIE Paola Senza Bavaglio Villa… I tuoi ragazzi sono favolosi. Sono stato benissimo con voi. ISTITUTO COMPRENSIVO ‘Manfredini’, QUARTACCIO (fraz. Pontinia), 29 gennaio 2016
‪#‎insiemesipuò‬ “La Scuola è sempre meglio della merda”.‪#‎mafieMontagnadiMerda‬

I

GRAZIE Loretta Cardarelli. È sempre un piacere tornare nella tua favolosa scuola. I tuoi ragazzi sono eccezionali!!! ‪#‎insiemesipuò‬ ISTITUTO SUPERIORE ‘T. Rossi’, Priverno (Latina), 29 gennaio 2016.
“Ogni parola che non imparate oggi è un calcio nel culo che prenderete domani”.

IL VELENO DEL MOLISE a Larino, con gli studenti (22 dicembre 2015)

1

GRAZIE DI CUORE!!! #insiemesipuò

ASSEMBLEA DEGLI STUDENTI con IL VELENO DEL MOLISE.
Istituto Tecnico ‘San Pardo’, LARINO, martedì 22 dicembre 2015.

“La Scuola sarà sempre meglio della merda”, don Lorenzo MILANI.

MOLISE. Ambiente e inquinamento: “Situazione preoccupante. Compromessa la catena alimentare”

Tamino

di Paolo De Chiara

“Nel nostro territorio insistono attività a forte impatto ambientale che esercitano da un decennio e immettono in aria sostanze tossiche riconosciute nocive dalla scienza e dalla legge. Studi internazionali evidenziano come in questi territori, interessati soprattutto dalla presenza di inceneritori, aumentano in modo vertiginoso patologie allergiche, respiratorie, oncologiche e cardiache soprattutto nelle donne e nei bambini. Nel nostro territorio non esiste uno studio epidemiologico, il Registro dei tumori è inattivo, non esiste un monitoraggio serio delle immissioni di inquinanti nell’aria, e, se tutto ciò fosse falso, la verità non è dato saperla”. Un quadro drammatico, una denuncia dettagliata. Dall’Ilva di Taranto? Dalla Terra dei Fuochi? No, dal Molise. Dall’Isola inFelice, resa tale da certa politica, complice e dannosa. Brava a difendere l’indifendibile e incapace a risolvere i drammi della popolazione. Sono le Mamme per la Salute e l’Ambiente di Venafro che parlano, che si battono, che non si arrendono. Un gruppo di donne agguerrite, le vere sentinelle del territorio. Operano nella provincia di Isernia, precisamente a Venafro. Territorio martoriato per gli affari della Camorra (in passato diverse ditte, come la Rer e la Fonderghisa, sono state utilizzate per affari illeciti e criminali), per la presenza di impianti altamente inquinanti, per lo sversamento di rifiuti, per la pessima qualità dell’aria. “Aver scoperto che l’aumento di alcune patologie – precisano le donne coraggio – è strettamente connesso all’inquinamento ha indotto un gruppo di mamme a capirne di più, tanto da ritenere, oggi, che la tutela della nostra salute, di quella dei nostri figli, e delle generazioni future è la priorità assoluta”. Ma in Molise nulla si muove. Si tende a minimizzare, ad evitare gli odiosi allarmismi. Necessari. Ne è convinto il giudice Ferdinando Imposimato, che già alla fine degli anni ’80 denunciava le infiltrazioni malavitose: “senza allarme sociale non può esserci la reazione della popolazione”. Grazie alle Mamme per la Salute di Venafro sono stati portati alla luce i risultati di diverse analisi: su una foglia di fico, prelevata nei pressi della Colacem di Sesto Campano; nella polvere di cemento, proveniente dallo stesso cementificio. “L’inquinamento sulla foglia di fico – scrive il dott. Stefano Montanari, responsabile dell’azienda Nanodiagnostics di Modena – induce a prendere precauzioni per l’ingestione di prodotti dell’orto o dell’agricoltura cresciuti nella zona in cui tale inquinamento esiste”. Viene riscontrata la presenza di particella di ferro, con titanio e manganese. Nel cemento presenze di uranio e torio, elementi radioattivi. “Dette ceneri – aggiunge Montanaripotrebbero provenire anche dallo stesso stabilimento che, bruciando rifiuti, potrebbe smaltire le derivanti ceneri mescolandole al cemento. Se ciò fosse vero che tipo di rifiuti o altro combustibile brucia la Colacem per trovarci in presenza di sostanze altamente tossiche e nocive quali uranio e torio?”. Nel 2010 e nel 2011 due casi di diossina nella carne bovina. Le mamme di Venafro denunciano anche la presenza di diossina nel latte materno. Riscontrata dai tecnici dei laboratori del consorzio interuniversitario di Chimica di Marghera (Venezia). “Un dato molto preoccupante che conferma ciò che temevamo: la diossina e i suoi composti sono entrati prepotentemente nella catena alimentare”. Solo diossina? “Ci si ammala gravemente di tumore – spiega Daniela Battaglia, esperta Fao di produzione animale -, sono molte le leucemie e i linfomi, corrono voci insistenti sull’esistenza di numerosi casi di interruzioni di gravidanza, di casi di sterilità maschile, di giovani donne che vanno in menopausa precocemente, di una popolazione infantile affetta da patologie allergiche e respiratorie. Si incentivano costruzioni di nuovi altri mostri quali biomasse, biogas, turbogas, centri di raccolta rifiuti di cui si viene a conoscenza solo a cose fatte e decise nei palazzi”. Sul territorio della provincia di Isernia, tra Sesto Campano e Monteroduni, sono presenti sia Herambiente (ex Energonut): un inceneritore nato come impianto a biomasse, che brucia quasi 100 mila tonnellate di rifiuti l’anno, unico impianto operante in Italia che funziona senza AIA, e la Colacem: un cementificio tra i più grandi d’Europa, che brucia quasi 25 mila tonnellate di rifiuti ogni anno, che opera senza AIA. A differenza di Herambiente, “che ha tentato in ogni modo di sottrarsi”, nel 2007 ha richiesto l’avvio della procedura. Attivata nel giugno del 2013, ma dal 7 ottobre dello stesso anno tutto è sospeso. “Dai rapporti di prova dell’ARPA Puglia emerge – ha certificato il dott. Stefano Raccanelli, già dirigente del laboratorio di microinquinanti dell’Inca (il consorzio interuniversitario ‘La Chimica per l’Ambiente’) di Venezia – che la ditta Colacem, cementificio che brucia CDR non è in grado di rispettare i limiti imposti dalla legge in vigore per le emissioni per PCDD/F “diossine”. Anche per l’impianto Energonut di Pozzilli dai rapporti di prova dell’ARPA Puglia emerge che le emissioni di diossine risultano tutt’altro che rassicuranti”. Lo scorso 18 aprile è stato organizzato, a Venafro, un convegno dal titolo “Ambiente, Salute ed Economia”, dove è intervenuto anche il prof. Gianni Tamino, già docente di Biologia presso l’Università di Padova e componente del Comitato scientifico dell’ISDE (Medici per l’Ambiente). “Dai rapporti di prova effettuati nel 2011 – ha affermato Tamino – sull’inceneritore e sul cementificio i dati sulle diossine sono poco rassicuranti”.

Cosa significa?

Va chiarito che per le diossine parlare di limiti è un discorso piuttosto parziale, perché dobbiamo sempre tener presente che si tratta di sostanze in grado di alterare il sistema endocrino, cioè il sistema ormonale, e di produrre tumori. Quindi un valore sotto il quale non c’è effetto non esiste. Questi valori sono comunque preoccupanti perché la pericolosità delle diossine si misura in miliardesimi di milligrammo per chilo di peso corporeo, oppure per quantità di sostanza grassa. Tenendo conto di tutti questi aspetti i risultati sono abbastanza preoccupanti, le analisi esistenti parlano di situazioni preoccupanti. Abbiamo, ad esempio, nella carne bovina quindici casi superiori al livello d’azione e ben due non conformi. Il fatto che vi siano parecchi campioni o di uova o di carne che rappresentano i punti della catena alimentare superiore, cioè per le diossine passando da erba a erbivori e poi a carnivori si ha un incremento costante della quantità di diossine concentrate nel grasso. Se la diossina era presente nella matrice ambientale (erba, fieno, ect.) gli animali lo concentrano al proprio interno nella parte grassa.

Lei, nel suo intervento in Molise, ha citato due casi: Herambiente e Colacem. Perché?

Sono sicuramente due casi emblematici, ma non gli unici, cui sicuramente le diossine vengono emesse. Siccome noi abbiamo nel contesto ambientale circostante all’area industriale, comunque nel territorio di Venafro, delle zone dove si accumula diossina nei prodotti animali è interessante vedere quelle attività aziendali dove è più facile che ci siano emissioni di diossine.

Tracce di diossine sono state trovate nella carne bovina e nel latte materno.

Quello è ancora più preoccupante, perché la madre è il terzo livello. Se noi consideriamo la catena alimentare c’è prima l’erba, poi gli erbivori e poi i carnivori. Man mano si ha un aumento della concentrazione. Sulla base di questi dati vediamo che le concentrazioni sono ancora gravi, perché dobbiamo tener presente anche quant’è il limite di legge per la quantità di diossine, per esempio, nel latte bovino. Non si può mettere in commercio se supera un certo limite. Avere quasi 10 picogrammi per grammo di grasso nel latte materno, tenendo presente che attualmente il valore per il latte è intorno ai quattro a livello di latte da vendere, come latte da alimentazione, vuol dire che abbiamo una quantità di diossine nel latte materno, cosa che succede spesso nelle zone inquinate come può essere Taranto o Brescia, superiore a quelle che rendono ammissibile la vendita del latte bovino.

Il picogrammo è un’unità di misura del peso che equivale a un miliardesimo di milligrammo.

Esatto. Una quantità minima, bastano poche molecole per determinare delle alterazioni del funzionamento del sistema ormonale.

È stata compromessa la catena alimentare?

Sicuramente. Noi troviamo una matrice ambientale dove le emissioni di diossine ci sono e sono accertate perché abbiamo valori nell’ordine non lontano dal grammo, come emissione di Colacem, e di milligrammi, come emissioni annue di Hera. Tenendo presente che la diossina può durare nell’ambiente più di dieci anni, ogni anno si accumula l’anno precedente. Quindi abbiamo una situazione di vari grammi nell’ambiente e quando la pericolosità è a miliardesimi di milligrammo abbiamo miliardi di volte, sparsi nell’ambiente, quantità pericolose che possono accumularsi, attraverso la catena alimentare, nelle piante che diventano foraggio, negli animali e poi nell’uomo.

Quali sono i rischi per la salute umana?

È noto che la diossina può determinare alterazioni, sicuramente può essere cancerogena. Ma non è solo questo. Molte malattie degenerative possono essere indotte da queste variazioni di regolazione ormonale che sono determinate da questi interferenti.

Nel 1991 l’OMS stabilisce, per le diossine, una dose tollerabile giornaliera pari a 10 picogrammi. Nel 2011 l’UE riduce la dose a 2 picogrammi. Nel 2012 si interviene sui lattanti. Secondo i suoi dati, nella provincia di Isernia, si sfora il limite giornaliero?

Probabilmente si, bisognerebbe fare ulteriori ricerche. Ma il fatto che trovi quei valori nella carne bovina, nelle uova e nel latte materno significa che incominciamo ad avere una pericolosità, particolarmente grave se riguarda donne incinte e bambini. Queste alterazioni si ripercuotono nell’arco di tutta la vita e possono addirittura essere transgenerazionali.

Lei ha affermato che la quantità di diossina emessa dipende dalla quantità di materiale bruciato. Si brucia troppo nelle aziende citate?

Non dovrebbero bruciare, è un errore. Il rifiuto non va bruciato, perché ogni volta che brucio il rifiuto determino inquinamento e perdo la materia contenuta nei rifiuti. I rifiuti vanno, prima di tutto, ridotti come quantità e poi selezionati e riciclati per recuperare le materie prime.

E sulla qualità del materiale cosa possiamo aggiungere?

Qualunque cosa brucio le diossine si formano. Se brucio legna produco diossine, se brucio rifiuti produco diossine, se brucio rifiuti selezionati, anche senza plastica, le diossine si formano lo stesso.

Le Mamme per la Salute e l’Ambiente oltre a denunciare la presenza di diossina nella carne bovina e nel latte materno hanno fatto analizzare una foglia di fico e della polvere di cemento. Sulla foglia sono state riscontrate particelle di ferro, con titanio e manganese, mentre nella polvere di cemento uranio e torio.

Quando brucio qualcosa ho una quantità di sostanze chimiche che vengono immesse, liberate nell’aria come inquinanti nell’ordine di migliaia di composti. Ogni volta che brucio qualcosa, tipo materia organica, inevitabilmente produco migliaia di diversi composti chimici. Quando abbiamo parlato di diossine ci siamo limitati ad un solo aspetto di queste emissioni, ma le stesse aziende, ovviamente, ammettono di produrre una gran quantità di altri tipi di composti, in particolare di metalli pesanti, alcuni dei quali molto pericolosi. Sulla base stessa delle dichiarazioni di emissioni, ad esempio della Colacem, possiamo parlare di una quantità che è di circa centinaia di tonnellate di polveri sottili.

Cosa contengono le polveri?

Al loro interno contengono o le diossine o i metalli pesanti o gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA).

Cosa sono?

Dei composti cancerogeni complessi che si formano grazie alle combustioni. Quando si fa la carne alla brace e vediamo quel colore nerastro, quelli sono gli idrocarburi policiclici aromatici.

Dal suo intervento è emerso che la Colacem, ogni anno, emette dai suoi camini circa 400 tonnellate di polveri, rilevanti quantità di metalli pesanti, IPA e 0,7 grammi di diossine. Che significa? È un pericolo per la salute?

Sicuramente le quantità di polveri sono enormi e proprio l’Arpa Molise dichiara che la situazione è critica per l’inquinamento atmosferico e quella delle polveri sottili, i cosiddetti PM10. Vi son stati, nelle indagini fatte, vari superamenti dei limiti giornalieri, di conseguenza la norma vorrebbe che nelle aree in cui vi sono stati questi superamenti non si introducano nuove fonti di emissioni di polveri sottili. Invece sono stati autorizzati una quantità elevatissima di camini, come la Colacem, ma anche per Hera. Lo ammette la stessa Hera che gli inquinamenti sono di IPA, …

Ecco, passiamo ad Herambiente. In un anno 20g di IPA; 17mg  di diossine; 1kg di Mercurio; 2 kg di cadmio e tallio; 2,5 tonnellate di ossidi di zolfo; 2,3 tonnellate di acido cloridrico; 123 tonnellate di ossidi di azoto; 2,5 tonnellate di ammoniaca; 0,5 tonnellate di polveri; 0,74 tonnellate di sostanze organiche. Vale lo stesso discorso fatto per la Colacem?

Sono quantità inferiori, ma rilevanti. Abbiamo sostanze cancerogene, le diossine sono di meno ma non per questo irrilevanti. Abbiamo, però, un chilo all’anno di mercurio, due chili di cadmio e tallio, mezza tonnellata di polveri particolarmente pericolose. Esclusi i transitori.

Lei lo scrive anche nella sua relazione. Cosa sono i transitori?

Sono quei momenti in cui l’impianto viene acceso e spento. Un po’ come l’automobile, se uno a freddo accende la macchina vede che dal tubo di scappamento escono fumi neri molto più pericolosi di quando è avviata e ha raggiunto la temperatura e il normale livello di marcia. Questi valori che riporto sono senza calcolare i transitori, che possono essere molti nel corso dell’anno.

Lei parla di cattive scelte di bruciare, perché l’illusione della soluzione inceneritore non elimina i rifiuti, non produce energia, ma produce inquinamento. Esiste un’alternativa?

Certamente. Tenendo presente che se si vuole eliminare i rifiuti bruciarli vuol dire moltiplicarli circa per quattro. Se sommo il peso degli inquinanti che vanno in atmosfera più le scorie e i rifiuti che rimangono sotto forma di polveri e ceneri pesanti moltiplico per quattro volte il valore di partenza. Aumento l’inquinamento.

Qual è la soluzione?

Tendenzialmente nel produrre meno rifiuti, soluzione possibile se cominciamo a ragionare eliminando tutti i materiali che servono per il confezionamento. Usiamo tantissima quantità di carta per confezionare un prodotto che compriamo per il contenuto. Bisogna eliminare gli imballaggi, comprare le cose che durano e non il materiale usa e getta, per esempio. Dobbiamo ridurre i rifiuti. Quelli che restano devono essere materiali pensati in partenza per essere riciclati e non bruciati.

Il territorio della provincia di Isernia è definitivamente compromesso?

Certamente tutta l’Italia è compromessa da questo punto di vista. Abbiamo zone ben peggiori, pensiamo a Taranto e ad altre parti del Paese. Sicuramente è assurdo che un’area, che fino a poco tempo fa si caratterizzava per un ambiente sano, per un’agricoltura di allevamenti, adesso abbia ricevuto tutta una serie di attività industriali che non sono tipiche della zona, ma vengono o dall’Umbria o dal Nord Italia. Sono state importate una serie di attività industriali, particolarmente inquinanti.

Esiste una speranza per il territorio e per la popolazione?

Purché si cambi politica industriale, si modifichi la logica e non si vada a rincorrere attività inquinanti per eliminare errori, nella logica produttiva, scaricando in aree, come quella di Venafro, attività che sono solo inquinanti, magari importando rifiuti o attività da altre zone dove preferiscono passare ad attività meno pericolose.

dal sito mammesaluteambiente.it

da RESTOALSUD.IT

bruno

Il Veleno del Molise

Il Veleno del Molise

IL VELENO DEL MOLISE… a VENAFRO, 4 giugno 2015 #insiemesipuò

venafro1

CENSIMENTO ONCOLOGICO

Il veleno del Molise

#‎insiemesipuò‬

Venafro (Is), 4 giugno 2015
Il veleno del Molise

— a Venafro.

venafro2 venafro3

BELLISSIMA INIZIATIVA CON I RAGAZZI DI MONTERODUNI (Is) e S. ELIA A PIANISI (Cb), 29 maggio 2015

2

ECOMAFIA – IL VELENO DEL MOLISE

Con la partecipazione di don Maurizio PATRICIELLO (grande parroco di Caivano) e Federico SCIOLI (sost. Procuratore della Repubblica).
CASTELLO PIGNATELLI di Monteroduni (ISERNIA)

11

1

3 4 5 6 7 8 9 10

Tra Ecomafia e Mafie, 29 maggio 2015 #mafieunaMontagnadimerda

ilvelenopremio

venerdì 29 maggio 2015 ‪#‎insiemesipuò‬
ore 10:00MONTERODUNI (Isernia), Castello Pignatelli
ECOMAFIA

IL VELENO DEL MOLISE

con gli Studenti di MONTERODUNI (Is) e di S.ELIA A PIANISI (Cb), con la partecipazione di don Maurizio PATRICIELLO (parroco) e Federico SCIOLI (sost. Procuratore della Repubblica).Il veleno del Molise

——————————————————–

Paolo BORSELLINO e Agenda Rossa, Priverno, 29 maggio 2015

ore 16:00PRIVERNO (Latina), Isiss Teodosio Rossi

FUORI LE MAFIE DALLO STATO!!! Con Salvatore BORSELLINO e i favolosi ragazzi del “Teodosio Rossi”.

‪#‎mafieMontagnadiMerda‬

BIOMASSE in MOLISE, i comitati dicono NO a risarcimento

1

Bojano (Campobasso), 3 gennaio 2015
Palazzo Colagrosso
Convegno AMBIENTE & SALUTE

Servizio TeleMolise (Giovanni Minicozzi), 5 gennaio 2015

2

3

 

6

MAFIE… il Molise che dorme.

Premio Ilaria RAMBALDI

Molise, terra di conquista per criminali

(da IL VELENO DEL MOLISE, 2013)

I segnali erano reali. Si è fatto finta di niente. Nessuno ha visto, nessuno ha sentito, nessuno ha parlato. Nemmeno oggi, nessuno parla. Hanno dipinto per anni il Molise come un’isola felice, una terra tranquilla, calma. Un paradiso, un’oasi di verde e di brava gente. I problemi sono stati buttati sotto il tappeto. Un grosso tappeto per nascondere i tanti ‘mali’. Causati soprattutto dalla malapolitica. Incapace di gestire la cosa pubblica. E le mafie sono arrivate.    

 

Il presidente della Regione Molise, Paolo Frattura definisce “inquietante” la conversazione intercettata dai carabinieri del Ros di Roma sull’interesse del gruppo criminale della Capitale per ospitare 500 profughi nel villaggio temporaneo di S. Giuliano di Puglia (Campobasso). “Ci impressiona leggere – dice Frattura – delle mire ‘espansionistiche’ sul nostro Molise, terra da sempre refrattaria a ogni forma di collusione con il malaffare. Non lo sara’ mai, il nostro Molise, terra di conquista per personaggi senza scrupoli. Terremo alta la guardia, come l’abbiamo sempre tenuta, soprattutto nei confronti di chi pensa di poter traslocare sistemi malavitosi in una regione di persone perbene, le stesse che in questi giorni stanno lavorando con onesta’ e trasparenza per assicurare a breve nel pieno rispetto della legge accoglienza nel villaggio temporaneo di San Giuliano di Puglia agli ospiti migranti e rifugiati”.

Paolo Di Laura Frattura, sGovernatore del Molise, Agi, 9 dicembre 2014

 

“Si terrà il 16 ottobre la grande manifestazione popolare organizzata da Cgil, Cisl e Uil della provincia di Isernia contro le incursioni della camorra”.

Il Messaggero, 27 settembre 1987

 

“L’ombra della camorra minaccia il Molise. Il 1987 ha fatto registrare una lunga serie di attentati a scopo intimidatorio che hanno confermato il pericolo reale, concreto, che i tentacoli della piovra camorristica si allunghino anche sul territorio molisano finora considerato vergine”.

Antonio Sorbo, ‘Politici e magistrati. Fronte comune’, Molise Oggi, 13 marco 1988

 

“Il Molise risente sia lungo la fascia adriatica che nella zona di Venafro e Termoli, di infiltrazioni dei sodalizi criminali pugliesi e campani. Nella provincia di Campobasso si sono, inoltre, verificati episodi estorsivi perpetrati da gruppi criminali di origine campana e pugliese, in collegamento con pregiudicati locali. […]”.

“Nella provincia di Isernia la criminalità organizzata campana è attiva nel settore del traffico di sostanze stupefacenti, nelle zone di Venafro e del Matese (area, quest’ultima, condivisa con la provincia di Caserta) sarebbe inoltre riuscita ad infiltrarsi nel tessuto economico locale mediante il controllo di attività imprenditoriali. L’area a ridosso dei confini campani risente dell’influenza del clan La Torre di Mondragone (Caserta). Si sono, altresì, evidenziati segnali di acquisizioni, da parte di affiliati a cosche di origine catanese, di aziende da sfruttare per il riciclaggio di capitali illeciti”.

“Il 13 luglio 2000, in Termoli (Campobasso), i militari dell’Arma dei Carabinieri hanno tratto in arresto il latitante Bidognetti Aniello, elemento di spicco del clan dei Casalesi, responsabile di associazione di tipo mafioso finalizzata alla commissione di omicidi, estorsioni ed altro”.

Rapporto Annuale sul fenomeno della criminalità organizzata, 2000

 

“In Molise risiedono soggetti collegati alla cosca BELLOCCO di Rosarno”.

Relazione annuale della commissione parlamentare Antimafia, 30 luglio 2003

 

“Il clan casertano dei Casalesi esercita una sua influenza nella zona di Venafro in Molise”.

Rapporto Confcommercio, ‘Mani del Crimine sulle Imprese’, 2006

 

“Molte discariche controllate vengono gestite in spregio delle prescrizioni imposte dalla Regione Molise nei provvedimenti attuativi. Si registra, anche in maniera sempre più evidente, l’abbandono incontrollato di rifiuti da parte di ignoti su terreni che debbono essere successivamente bonificati dagli Enti territorialmente competenti”.

 Relazione, inaugurazione anno giudiziario, 27 gennaio 2007

 

“I fusti contenenti rifiuti radioattivi ubicati nel comune di Castelmauro (Campobasso), saranno rimossi e l’area interessata sarà bonificata. Sono questi gli interventi, dichiarati indifferibili e urgenti, decisi nell’incontro presieduto il 13 novembre dal prefetto di Campobasso Carmela Pagano presso la prefettura”.

Ministero dell’Interno, notizie dalle Prefetture, 15 novembre 2008

 

“Il Molise si è rivelato non zona di transito, ma punto finale di arrivo per lo smaltimento di rifiuti pericolosi, terra idonea ad occultare discariche abusive con la compiacenza di alcuni proprietari di cave e terreni e scempio dell’ambiente”.

“Procedimento (c.d. Operazione Mosca) contro un soggetto salernitano ed altri di San Giuseppe Vesuviano (reati 416 bis, 648 bis cp ed altri), considerati vicini ai Fabbrocino e al clan dei Casalesi, che riguarda infiltrazioni della camorra in società molisane (con sede a Isernia) per la raccolta e la trasformazione dei metalli. In particolare i residui metallici delle industrie vengono lavorati e poi gettati nelle discariche abusive. Taluni degli indagati si erano già dedicati in passato allo smaltimento dei frifiuti spediti in Campania dal nord Italia”.

“Procedimento contro Ignoti per il rinvenimento di 300mila tonnellate di rifiuti in una cava al confine tra la Campania ed il Molise – Comune di Morcone in provincia di Benevento – di proprietà di tale Ciotta Giuseppe, pregiudicato campano già indagato per omicidio. Il sito è confinante con altro di proprietà di una ditta molisana”.

Relazione annuale , Direzione Nazionale Antimafia, dicembre 2008    

 

“…Moccia (Francesco, ndr) doverosamente segnalato dalla Guardia di Finanza di Termoli come legato da stretti legami familiari e di affari con Angelo Marrazzo coinvolto in vicende giudiziarie del gruppo camorristico dei Casalesi, capeggiati da Francesco Schiavone, detto Sandokan, collegato a società fortemente indiziate di avere stretti collegamenti con il clan Moccia di Afragola”.

Procura della Repubblica di Larino, conclusione delle indagini preliminari

 

“Come un volgare mafioso, don Vito conosce l’onta del soggiorno obbligato, prima, e del divieto di soggiorno a Palermo, dopo. La sede del confino viene fissata nel paesino di Rotello, in Molise, non vicinissimo a Campobasso. […] Continuava a governare i suoi affari, a dirigere il sistema da Rotello, in perfetta sintonia ancora con Lo Verde e con signor Franco. Non ricordo di aver mai visto Lo Verde in Molise, anzi posso escludere che sia mai venuto a trovare mio padre a Rotello. Ma posso confermare con assoluta certezza che più d’una volta ho visto arrivare a bordo della sua Alfa con autista l’elegantissimo signor Franco. Ogni volta che ciò accadeva, mio padre si inventava un incarico per farmi allontanare durante il colloquio”.

‘Don Vito’, pag. 152 e ss., Feltrinelli, aprile 2010  

 

Un episodio significativo, per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti, si è registrato con la testimonianza, nel 2003, di un giornalista di TeleA. Che racconta di aver seguito un camion partito da Napoli carico di rifiuti nocivi che dovevano essere smaltiti a Ferrara. Questo camion, invece di proseguire per il nord, proseguì per Caianello in direzione Venafro. Arrivato nella zona del consorzio industriale di Pozzilli, entrò in un capannone e dopo qualche ora uscì e tornò a Napoli”. 

La Voce del Molise, 25 ottobre 2010

 

“Una cava abbandonata a una ventina di chilometri da Termoli, una vecchia calcestruzzi, un deposito di cromo esavalente – impiegato nel ciclo del cemento – al confine tra il Lazio, la Campania e il Molise, dal quale fino a pochi anni fa partivano camion che attraversavano la Telesina e la Sannitica: c’è un legame? Gli ambientalisti molisani sospettano che ci sia e chiedono al Noe una verifica urgente”.

Il Mattino, 4 novembre 2010

 

“C’è chi ha visto i camion arrivare nell’area industriale di Pozzilli-Venafro, chi gli automezzi giallo-rossi della ditta Caturano disperdersi tra la Trignina e la Bifernina, chi le luci alte attraversare la notte e la discarica di Tufo Colonoco, sequestrata dalla Procura di Isernia alla metà di luglio: 12.300 metri quadri di sversamenti abusivi di percolato e di sbancamenti fuorilegge. Una donna giura di aver visto gli automezzi che trasportano eco balle e rifiuti entrare nell’area industriale di Pozzilli, aggirarsi tra la Colacem e la Fonderghisa, uscire vuoti. Un altro ha assistito all’ingresso dei mezzi della maddalonese ditta Caturano nell’impianto di depurazione di Termoli, nonostante la laconica smentita del Consorzio Industriale che gestisce Cosib: ‘Caturano non è tra i nostri committenti’. Carta canta, ma perché quei camion dai colori inconfondibili varcano i cancelli? E cosa trasportano davvero?

“Nelle fonderie, racconta chi ha lavorato agli altiforni, sono sparite tonnellate e tonnellate di rifiuti di ogni genere. Anche di automezzi militari impiegati nella ex Jugoslavia, contaminati dall’uranio impoverito”.

Rosaria Capacchione, ‘Scorie in Molise, ecco la terra avvelenata’, Il Mattino, 4 novembre 2010

 

“Si registrano da tempo tentativi di infiltrazione da parte di appartenenti a qualificati sodalizi attivi nelle Regioni limitrofe ed interessati al settore dell’illecito smaltimento dei rifiuti, al reimpiego dei proventi in immobili ed attività commerciali nelle località della costa, nonché al controllo degli appalti pubblici”.

“La Procura della Repubblica di Isernia, ha emesso un avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti delle 8 persone indagate nell’ambito della nota indagine ‘Piedi d’Argilla’, che aveva accertato il tentativo di infiltrazione di un imprenditore contiguo alla cosca ‘ndranghetistica dei Garofalo di Petilia Policastro (Crotone), affidatario di subcontratti nell’ambito dei lavori per la realizzazione del primo tratto della c.d. Autostrada del Molise – variante stradale esterna del Comune di Venafro – appaltata dall’Anas all’impresa ‘Adanti Spa’ di Bologna. Dopo diversi trasferimenti del fascicolo, la Procura della Repubblica di Isernia è stata indicata dalla Corte di Cassazione quale ufficio competente per le indagini, in considerazione del fatto che tra le ipotesi di reato contestate era venuta meno quella di competenza della DDA di Campobasso. Ma al di là della prova processuale non raggiunta, sul piano dell’analisi e della prevenzione tale procedimento è sintomatico di interessi nella regione di persone comunque vicine a consorterie mafiose”.

“Il Molise confina con Regioni caratterizzate da presenze criminali particolarmente allarmanti per capacità ad estensione, con il rischio che tale territorio venga individuato come luogo di riciclaggio di profitti delittuosi nell’ambito dell’acquisizione della gestione o del controllo di pubblici esercizi da parte di clan camorristici o come tranquilla base operativa per curare interessi radicati altrove, ovvero ancora per preparare penetrazioni criminali in loco o come semplice riparo, favoriti dall’accentuata capacità di mimetizzazione della matrice criminale dei soggetti”.

“Diversi arresti di latitanti campani, eseguiti sia in passato che in tempi anche recentissimi, inducono a mantenere alto il livello di attenzione nei confronti del fenomeno dell’infiltrazione di interessi da parte delle regioni circonvicine”.

“Il 15 luglio 2009 è stata eseguita in Toro (Campobasso), una ordinanza di custodia cautelare emessa in data 1 luglio 2009 dal gip del Tribunale di Napoli per il reato di cui all’art. 416bis c.p. nei confronti di De Rosa Alessandro e Zagaria Giovanni, ritenuti entrambi esponenti dell’organizzazione camorristica denominata ‘clan dei Casalesi’ con lo specifico ruolo di fungere da collegamento tra S. Cipriano di Aversa e Modena”.

“Altro settore esposto ad infiltrazioni criminali è quello della intermediazione abusiva di manodopera e dell’acquisizione di terreni ed aziende da parte di organizzazioni criminali, nel quadro di attività di riciclaggio e di impiego di danaro di provenienza illecita, anche nell’ambito dell’attività di stoccaggio di rifiuti provenienti dalla Campania”.

“Analogo caso di infiltrazioni camorristiche in pubblici appalti riguarda i lavori di completamento del II lotto della strada Isernia Castel di Sangro Comuni di Forlì del Sannio (Isernia) e Rionero Sannitico (Isernia). Da accertamenti svolti, è risultata la presenza sul cantiere, con mezzi e personale, di società ritenute in collegamento con alcuni soggetti gravitanti in clan camorristici. Nel corso degli accertamenti sono emerse prassi fraudolente intese ad aggirare le inibitorie connesse alla legislatura antimafia”.

Relazione annuale, Direzione Nazionale Antimafia, dicembre 2010

 

“Questa Procura è spesso destinataria di denunce aventi ad oggetto fattispecie di danni all’ecosistema, sub specie di alterazione della morfologia del territorio o inquinamento dell’ambiente (apertura di cave, disboscamenti, sversamento di sostanze inquinanti nei corsi d’acqua o del mare, asportazione di materiale del greto dei fiumi, realizzazione di parchi eolici o fotovoltaici ect.)”.

Corte dei Conti, Procura Regionale, Inaugurazione anno giudiziario 2011           

 

“Un filo tra la Campania e il Molise per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti. Sono tre le ditte che hanno lavorato per il Consorzio Unico Napoli-Caserta e che operano nelle province di Isernia e Campobasso. Una è riconducibile al gruppo Ragosta di San Giuseppe Vesuviano, ed è la Ricicla Molisana; un’altra è la Recuperi Molisani; la terza è Smaltimenti Sud, che gestisce la discarica di Tufo e il cui direttore tecnico è Antonio Del Torto, recentemente coinvolto nell’inchiesta della Procura di Larino sul depuratore Cosib”.

‘Smaltimento: Campania chiama Molise’, da Il Mattino, 21 gennaio 2011

 

“’Ndrangheta: scoperta raffineria droga tra Abruzzo e Molise. Una raffineria di droga riconducibile alla ‘ndrangheta è stata scoperta a San Salvo (Chieti), dai carabinieri di Pescara i quali hanno anche arrestato quattro persone e sequestrato 2,5 chili di cocaina. Gli arrestati sono tre calabresi appartenenti al clan Ferrazzo, operante nel Crotonese, e una romena. Tra loro vi è anche il capo clan, Eugenio Ferrazzo. L’operazione è stata eseguita nell’ambito di un’inchieta condotta dalla DDA dell’Aquila su un traffico di droga tra l’Abruzzo e il Molise”.

Ansa, 25 maggio 2011 

 

Nella serata del 20 giugno 2011, in Venafro (IS), nel corso di approfondimenti investigativi finalizzati a disvelare compiutamente le dinamiche e gli appoggi logistici utilizzati da IOVINE Antonio, capo dell’omonima fazione del clan dei “casalesi”, durante la propria latitanza (periodo dicembre 1995 – novembre 2010), i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della DDA di Napoli, nei confronti del pregiudicato PAGANO Pasquale Gianluca, inteso bambinone, cl.’70 da San Cipriano d’Aversa (CE). Il PAGANO, scarcerato il 9 maggio u.s. per decorrenza dei termini di custodia cautelare insieme ad altri otto imputati nel processo a carico di affiliati al gruppo “Iovine” e sottoposto al divieto di dimora nelle regioni Campania e Lazio, aveva eletto come suo domicilio Venafro, in provincia di Isernia. Il nuovo provvedimento restrittivo è stato emesso poiché il PAGANO, a differenza degli altri imputati scarcerati, non è accusato soltanto del reato di “associazione per delinquere di tipo camorristico”, ma anche di “concorso in detenzione illegale di armi da fuoco”.

“Arresto in data 21 giugno 2010 a Venafro, ove era domiciliato, con obbligo di firma, Pasquale Pagano, ritenuto affiliato al gruppo Iovine, clan dei Casalesi, accusato di associazione per delinquere di tipo camorristico e di concorso in detenzione illegali di armi da fuoco”.

“Rinvenimento in data 21 luglio 2011 in Termoli, all’interno di un’autovettura parcheggiata in un garage chiuso, di numerose armi, e precisamente 4 AK47, 10 fucili cal. 12, pistole, munizioni, n.2 silenziatori per pistola e giubbotti antiproiettile, tutte riconducibili a Ferrazzo Eugenio, figlio del collaboratore di giustizia Ferrazzo Felice, capo dell’omonimo clan della ‘ndrangheta di Crotone. In tale contesto va menzionato anche l’arresto del 13 giugno 2011 in San Salvo (Chieti), in prossimità del confine con il Molise, di Ferrazzo Eugenio per il possesso di armi clandestine ritrovate in un garage a lui in uso, oltre che una vera e propria raffineria di cocaina, nello stesso garage”.

Relazione annuale, Direzione Nazionale Antimafia, dicembre 2012

 

“L’elevato ed anomalo tasso di malattie degenerative, autoimmuni e cancerose nella nostra regione, aveva già da tempo fatto alzare un grido di allarme da parte della comunità dei medici molisani, pur volendo conservare integra la speranza che quanto ipotizzato non risulti di tale gravità”.

“L’ordine dei Geologi del Molise assume il dovere morale di esporre con forza la preoccupazione riguardo le azioni di campionamento che saranno messe in opera sui suoli e sulle acque, il cui esito negativo non escluderebbe in via automatica la contaminazione”.

Ordine Geologi del Molise, 6 novembre 2013

 

“Individuare, verificare e accertare con immediatezza e puntualità. La giunta regionale interviene per dare risposte a tutti i cittadini molisani alla luce dell’allarmante quadro emerso dalla pubblicazione dei verbali desecretati dell’audizione del pentito Carmine Schiavone. Di questa sera, la delibera di giunta che formalizza l’istituzione di un gruppo di lavoro che dovrà individuare le aree del Molise teatro del presunto sversamento di rifiuti tossici. Compito del team di esperti, coordinati dal direttore generale della Salute, Antonio Lastoria, sarà accertare la precisa allocazione dei rifiuti, al momento individuata nell’area della provincia di Isernia, stando alle dichiarazioni di Schiavone. Sempre il gruppo di lavoro condurrà precise e capillari attività di monitoraggio sulle zone segnalate.

Il gruppo di lavoro sarà composto da tecnici di enti e strutture regionali e strumentali preposti, Asrem, Arpa Molise e Protezione civile. A tutte le attività poste in essere a tutela della salute pubblica saranno chiamati a contribuire anche rappresentati dell’Anci Molise”.

Comunicato ,‘La giunta regionale istituisce un gruppo di lavoro’, novembre 2013

 

“In un solo anno – ha evidenziato la dottoressa Francesca Scarabeo – abbiamo asportato tre sarcomi alla mammella, in provincia di Isernia. Il dato è terribile se confrontato con la media nazionale che è di 5 casi su un campione di 100 mila persone”.

Ansa, 21 novembre 2013

 

Terra di conquista e di omertà

Molise, Terra di conquista e di omertà, 2010

IL VELENO DEL MOLISE… a Petrella (Cb), 29 novembre 2014

7

8

manifestoGRAZIE di CUORE… Insieme si Puo’!!!

Prima di iniziare una gradita sorpresa… la Cadillac di Totò

1

2

3

4

5

6

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: